Quartiere di Porta Crucifera
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7


Ultime notizie da Colcitrone

  • Tripolino eroe di due mondi
    Scritto Sabato, 27 Settembre 2014 10:05

    Tripolino2Lo conoscono tutti a Pozzuolo Umbro, frazione di Castiglion del Lago. La sua casa, più che un'accogliente abitazione, è un cimelio, un museo dell'ippica popolare, quella che ha antiche tradizioni, che si svolge in provincia.
    Il cavallo domina nei ricordi.
    E quando dall'ingresso sali per le scale respiri subito l'aria di quelle "cose" che ami di più, perché sono le più genuine, le più tradizionali, le più secolari. Sali i primi gradini e al muro ci vedi il cartellone con la lancia della Giostra del Saracino; arrivi al pianerottolo e c'è alla parete una foto con lui a cavallo con il giubbetto della Contrada del Drago. Insomma, subito, i colori rosso e verde dominano. E in salotto, o meglio, nel "museo", la pagina ingiallita di un giornale messa in bella mostra ti annuncia che sei entrato nella stanza dei ricordi di "Tripoli Torrini: il fantino gentiluomo che correva per farsi valere".

    << Ho vinto tanto ad Arezzo [suo è il record, tuttora imbattuto, di 15 vittorie personali]: 9 volte in Porta Crucifera, 4 a Santo Spirito e 2 a Sant'Andrea. Arrivai ad Arezzo su invito di Donato Gallorini, che avevo per avversario nelle corse in provincia, nel 1932, e ho subito vinto con i colori di Colcitrone, al quale mi legano ricordi e amicizie indimenticabili. Un anno fortunato quello: perché vinsi anche il mio primo Palio di Siena con la nobil Contrada del Nicchio.
    TripolinoGiostra e Palio sono state le cose più importanti della mia vita! La Giostra è paragonabile a, e anzi lo è: una guerra.
    La considero, nel suo genere, la più bella manifestazione italiana; Colcitrone è la mia seconda patria.
    Ma anche il Palio... mi ha lasciato ricordi eccezionali.
    Ne ho vinti 6: nel Nicchio il 16 agosto 1932, cavallo Ruello; nella Lupa, 2 luglio 1935 e 2 luglio 1937, cavalli Ruello e Folco; nel Drago, 16 agosto 1936 e 2 luglio 1938 con Aquilino e Folco; il 16 agosto 1938 con Sansano nella Chiocciola. Ma non ho mai corso nelle più forti, l'Oca e la Torre. Forse non mi hanno mai nemmeno voluto, perché non ero avvezzo ai compromessi.
    Adesso, però, tornando ad Arezzo, dovete salutarmi il "vecchio" Donatino. E a tutto il Quartiere l'abbraccio più caloroso da un Tripolino commosso, e orgoglioso di aver vestito e vinto tante volte con i stupendi colori di Porta Crucifera, che porterò sempre nel cuore! >>
    Si ferma. L'emozione prevale, sul campione di tante Giostre e di tanti Palii, e diventa un ostacolo al fiume di parole che non si vorrebbe mai fermare.
    << Non mi sono mai venduto!, e al Palio è difficile fare questo... Non sono mai caduto alla curva di San Martino... E considerando il rapporto tra i Palii corsi e quelli vinti, io sono tra i più grandi fantini della storia... E la Giostra è una grande manifestazione: non sciupatela. >>

    E via ancora, mentre si saliva in macchina per il ritorno. Un commento? Impossibile!

    "Tripoli Torrini: il fantino gentiluomo che correva per farsi valere". La più grande verità, e il più bel commento, sono racchiusi in questo titolo di un vecchio giornale senese.

     

    Intervista di Tonino Morelli a Tripoli Torrini pubblicata sul Numero Unico edito in occasione delle vittorie del 2000

  • Tripoli Torrini ci ha lasciato
    Scritto Venerdì, 26 Settembre 2014 19:25
    Tripoli Torrini ci ha lasciato

    Il Quartiere di Porta Crucifera si stringe con affetto e con dolore ai familiari per la scomparsa del grande Tripolino.
    Tripoli Torrini, classe 1913, proprio lo scorso anno festeggiò in quel di Pozzuolo Umbro, suo paese natale, i cento anni. A Siena ha fatto gioire i popoli di quattro Contrade, dal 1932 al 1938, portando il Palio a Nicchio, Chiocciola, due volte nel Drago e due volte nella Lupa. Ad Arezzo per i nostri colori, tra gli anni Trenta e Cinquanta del secolo scorso, nove volte ha trionfato, con Donatino e con Arturo Vannozzi,  segnando nella storia il suo nome come quello di un vero campione.

    Leggi tutto...
  • 3 ottobre Assemblea Soci con Relazione del Capitano
    Scritto Venerdì, 26 Settembre 2014 11:52
    3 ottobre Assemblea Soci con Relazione del Capitano

    Venerdì 3 ottobre 2014 alle ore 20.00 in prima convocazione ed alle 21,00 dello stesso giorno in seconda convocazione è indetta a Palazzo Alberti, presso la sede sociale del Quartiere di Porta Crucifera, l’Assemblea dei Soci con all’ordine del giorno la Relazione TECNICA del CAPITANO e varie ed eventuali.

    Possono partecipare all’Assemblea i Soci con diritto di voto ovvero i Soci Ordinari, Sostenitori ed Onorari che, alla data di svolgimento della stessa siano in regola con il versamento della quota associativa relativa all’anno in corso.

  • Online il Mazzafrusto settembre 2014
    Scritto Mercoledì, 10 Settembre 2014 18:31
    Online il Mazzafrusto settembre 2014

    Nella sezione download del nostro sito è possibile, oltre alle vecchie edizioni, scaricare l'ultimo numero del MAZZAFRUSTO di settembre 2014.
    Vai alla pagina di download!

  • I Vannozzi in Colcitrone - Arturo, Eugenio ed Alessandro (sett. 2014)
    Scritto Mercoledì, 10 Settembre 2014 18:16
  • Nota del Consiglio Direttivo
    Scritto Mercoledì, 13 Agosto 2014 09:41

    Il consiglio Direttivo di Porta Crucifera ha preso atto della decisione presa da Rettore e Capitano di manlevare Marco Filippetti dall'incarico di Tecnico. Una decisione sofferta, soprattutto, da Maurizio Fazzuoli legatissimo all'ex Campione rosso verde, maturata per alcuni atteggiamenti tenuti dai giostratori proprio nei confronti di Filippetti.

    Il feeling tra il Tecnico narnese ma Colcitronese di adozione si è' evidentemente deteriorato e da qui è venuta la scelta.

    "Abbiamo due giostratori esperti, due Campioni pluridecorati in grado di gestire evidentemente da soli il proprio allenamento" commenta Fazzuoli "io andrò regolarmente al campo come il ruolo impone ma seguirò soprattutto i giovani. Conto di trovare Alessandro e Carlo pronti per una Giostra da protagonisti come il loro blasone e la storia del nostro quartiere impone e sono sicuro che non ci deluderanno".
    Conclude il capitano "mi dispiace molto per Marco che continuo a considerare una risorsa fondamentale per il nostro Quartiere. Sebbene dispiaciuto si è subito messo da parte così come rispose pronto alla nostra chiamata. E' è rimarrà sempre un'icona di Colcitrone".
    L'amarezza di Fazzuoli e' evidente adesso agli esperti Vannozzi e Farsetti non resta che...vincere.

~ COLCITRONE, PER FORZA E PER AMORE ~

IL MAZZAFRUSTO

Il Periodico del Quartiere "il Mazzafrusto" in versione digitale

ARETINANDO

Lezioni di Aretino tra Neologismi e vecchi proverbi