Quartiere di Porta Crucifera
  • Home
  • Le bellezze di Arezzo
  • Santa Maria delle Grazie

Santa Maria delle Grazie

grazieSantuario quattrocentesco, situato alla periferia S della città (km 1,5 dal centro), raggiungibile attraverso il lungo rettilineo di viale Mecenate.
Il portale di ingresso, qui trasferito dopo la demolizione di Porta S. Spirito, immette in un vasto e suggestivo cortile, sistemato a prato e contornato da due sezioni di porticato.

La chiesa, disposta sul fondo, risale alla prima metà del Quattrocento e fu eretta sulle rovine dell'antica Fons Tecta, ritenuta sede di un culto pagano delle acque.
L'edificio è in stile tardogotico, ad una navata, con volta a crociera. 

grazie1Sul finire del secolo Benedetto da Maiano eresse la scalinata esterna (oggetto di recente restauro) ed il portico, capolavoro di leggerezza e di grazia primo rinascimentale, a sette arcate poggianti su sottili colonne corinzie.

Da notare, all'interno, l'altar maggiore in marmo e terracotta smaltata (fine Quattrocento), opera inconsueta di Andrea della Robbia: nel timpano Madonna con Bambino tra due angeli, nelle nicchie i Santi Lorentino, Pergentino, Donato e Bernardino, nel paliotto la Pietà; all'interno un affresco di Parri di Spinello (Madonna della Misericordia).