Quartiere di Porta Crucifera
  • Home
  • Media
  • Aretinando
  • Proverbi aretinii

Proverbi Aretini

Un te mettere ‘n cammino si la bocca ‘n sa de vino
Contadino, scarpe grosse e cirvello fino
"Cusì ‘nnè ‘l modo", come disse quel ch’afogheva
E’ come la moglie del poro Trumbino: men de gniente
El caldo dei lenzoli un fà bullire la pentela
"El peggio c'ha da venì", disse quello che ingollò la roncola e arcacò ‘l manneco
Fa come Sant’Alò: prima murì e pù s’amalò
Gni fa come l'aglio al cane: un mangia e un fà mangiare
E' fame? Mordi la coda al cane! E' sete? Atacchete al pisciulin del prete
E' fatto 'l guadagno de Cazzella, che vendiede el cavallo per pigliar la sella
"Io armango", come disse quel che perse 'l treno
Botte picina vin bono... ma no ne' tappi
Che se fa la pesca del Giunti, acqua fino ale palle e pesci punti
"Sara' meglio mette' le mani avanti", disse quello che cadiva a bocconi
Se ‘l coglion volasse, the darebbon da mangià‘ co’ la fionda
Se ‘l mi nonno aiva tre palle era ‘n flipper
Se' brutto quant'el Fei, che fece paura a 'n branco d'orsi e 'l più picino murì
Se' come el can de Fano, che mentre quel’altri trombaveno lù se leccava le palle
Se la mi’ nonna aea le rote era ‘n carretto
Se’ più coglion de Ammene, che se cavava la sete col prusciutto
Se’ più coglion de Cacco, ch’andava a cogliè’ i bacelli co’ la scala
Se’ più coglion del Bista, che piantava i fagioli co’la rivoltella
Se’ più coglion del poro Schjfo, che barullava ‘n salita
Se’ più suddecio del Lonzi, che fece ‘l bagno ‘llà Chiana e scappò polvaroso
Co' la calma e la vasillina, l'elefante 'nculò la galina
Come disse la supposta al missile: "Beato te che vè ‘n cielo"
Men che la muffa e 'l mirdino, tutti i vizzi l'ha
Nel capo c’hè du scatoline: una è vota e una ‘n c’è gniente
Per murire e per pagare se' fa sempre 'n tempo
"Poca lana", disse quello che tosava i maiali
Quande Lignano mette ‘l capello, Aritino apri l’umbrello
Questo è quelo del bon Gisù, doppo questo ‘n ce n’è più
Santa Firmina, Le Poggiola e Chiani n’unne stan fermi co’ le mani
San Donato, l’inverno è arivato
"Si stavo cusì un mangiavo", disse quello doppo cena
Si te piglio ‘nfra le mani, duri quante el bercio d’un gatto bighino
"Speriamo che duri", disse quello che barullava dal tetto
"Tanto vulivo scendere", come disse quello che barullò de bicigretta
Accident’a te e a quela puttan de l’Anghiarina
Al tempo de’ maiali eron suspiri…al tempo de’ maiali la tu’ mama era rigina
Se' coglion come 'l Bava, che se dava le martellate sui coglioni e godeva quando 'n ce chiappava
"Anche questa s'è fatta", disse quello che amazzò il babbo e la mamma
"Tutto fa", disse quello che pisciava in mare per disincaglia' la barca
Il maiale fa male... se t'aciacca
"La veggo buia", disse quella che camminava sugli specchi
"Un so' se mi spiego", disse il tovagliolo
Quando la donna move l'anca, o la dà o poco ce manca
È la legge del Menga, chi l'ha nel culo se lo tenga
"Questo non c'entra", come disse la contessa seduta sul colonnino
Fior de limbuto, eri coglione e te s'è mantenuto
Pe' malati c'è il Ferrochina, pe' coglioni un c'è medicina
Se' come una corriera: ce monton tutti
Voglia de lavorar salteme adosso, che de' lavorar più non posso
Far la piscia senza il peto è come mangià l'insalata senza l'aceto
Gni fa come il cazzo alle vecchie
Finchè dura fa verdura
Tira più un pelo di fica che un carro di buoi
Cencio dice mal di straccio
Amare senza essere amato è come pulirsi il culo senza aver cacato
"Non ce la faccio più", come disse quello che cacò sull'ortica
S'ha dì d'andà?
Trombare quella è come giocare al pallone con gli zoccoli
Cacati in mano e datti du' labbroni
Un' ho mica pocciato dal pomello d'una seggiola
Te do' 'na mina che te fermo la crescita
Facile fare i finocchi col culo de quel'altri
Conta come el due de picche
Se' coglion anche se'arnasci
E' come 'na forchettata de noci