Quartiere di Porta Crucifera
  • Home
  • Media
  • Aretinando
  • Vocabolario Aretino

Vocabolario Aretino

  • ‘du Dove?
    ‘Gna Bisogna, " 'gna che faccia"!
    ‘Murmio Amore mio.
    ‘N 'N (un) sta per non.
    ‘Nduvelle Unduvelle In nessun posto.
    ‘Sto Questo.
    ‘Unn‘e/a/o Non é, non ha, non ho.
    ‘Unne Non, unne scendere.
    ’Na renga ‘n tre? Peggio!

    (Dal vangelo secondo ‘l poro Cumino)

    E’l pòro Cumino misse ‘ n tasca la su pipa spenta, sputò ‘ n terra e guminciò.

    Quande ‘l Curato fa la preddeca, doppo djéci minuti la gente avia a sbadigliére, i ragazzi guminceno a fé ‘ccunfusione e i più bighini a durmire.
    Se vede che Gesù Cristo ce sapiva fére, perché la gente lo stéva ascoltére per ore e ore e un li viniva mé’ a noia. Quel giorno pùe s’éreno scordi anco de vire a disenére e degià èra ariva l’ora de cena.
    I discepili de Gesù gumincéveno a stére ‘ n pensiero. “E ora - diciveno - che se ‘nventa? Qui se fa buio. Questa gente sarà meglio lascialla vire a chésa”.
    E lo disseno al Signore: - Maestro (lo chiamaveno Maestro), Maestro, sarà meglio chjude’ bottega, sinnò qui le còse se metton pòco béne
    - E ’l Maestro, o ‘nn’aiva sintito, o ‘ nn’ aiva capito, o lu’ ‘nn’aiva fème.
    - E ‘l Maestro, tutto tranquillo: - Si hèn fème dèteli da mangère!
    - Pensonno: ‘l mangère? Undù se compra? Qui ‘ n c’è mica le botteghe: sèmo ‘n mezz’ ai campi e ‘l paese è lontèno. Eppù chj ce l’ha i guadrini? Qui ce vòle un capitèle. La famiglia da mettere a tavela è grossa, più de quande c’è la battitura; pròva a contalli.
    - ma un ce –aéte pròprio gnénte? – disse ‘l Signore.
    - Sì, qualcòsa ce s’ha, ma’ è come gnente.
    - Disse uno: - C’è qui un ragazzo con cinque fette de de pène e du’ pesci abrustiliti, ma ce vòl altro per tutto questo branco. Anch’ a dalli un bocone e una lisca piruno, un basteno
    - Disse ‘l Maestro: - Ce penso io
    - “O che ‘nventa mò – pensonno i discepili-, o che vòl fère? Mah!, se starà a vedere”.
    - Nòe noè - disse ‘ l Maestro - un c’è da stère a vedere. Dèteme ‘ na mana. Fèteli a mettere a sidéri su l’erba, a branchi d’una cinquantina per branco e portéteme qua quel péne e qu’i pesci
    - E cusì fécion l’apostili. Ce volse un po’ de tempo per sistemè qquela baraonda, ma a la fine éron tutti a sideri. Doppo, portonno al Signore le cinque fette de pénee i du’ pesci. “E ora?”.
    Aguardéveno él Maestro a vedé’ ccom’andéva a finire.
    E’l Maestro prese le fette, prese i pesci, se voltò ‘n su verso ‘l célo, disse un paternostro dette una binidizione, eppù disse: -Alò, ragazzi, dèteve da fère. Tò, piglia, porta ‘n tavela.
    - E ‘ntanto spezzèva quele fette e quei pesci; duviéno esse’ llucci o regine perché un finivon mèi. E anco quel pène… con più ne spezzèva e più ce n’éra. E i cameriéri un finivon unn’arguviveno: fuggi de qua fuggi de là… ce feceno una sudèta. Ma a la fine, l’invitèti éron tutti satolli.

    Ce fu anco chj ne misse ‘n tasca qualche purzione da portère a chèsa. Lo credaresti? Ce ne fu per tutti e n’arvanzò un futtio: tra fette de pène e pezzi de pescio, n’arvanzò doddici cistoni.

    - Arcattettéli – disse ‘l Signore -, è tutta grazia Ddio; un bisogna sciupalla. Sirvirà per un’antra volta
    - “O com’ha fatto??! - dicivon l’apostili - Oh!, éron cinquemila cristjeni, mica uno. E senza contè ‘lle donne e i ragazzi”.
    Chjssà perché senza contè ‘lle donne e i ragazzi! - disse Cumino - O che le donne e i ragazzi a qui tempi un mangèveno? La gente! La gente!!! Quande sintinno com’era vita la còsa, se scatenonno. Altre che quande aiva cambio l’acqua ‘n vino! S’arizzonno tutti e gumincionno a batté le mani, a gridère evviva, a cerchè Ggesù pé’ pportallo ‘n trionfo, per fallo re; e gridèveno “E’ ‘l Missia! E’ ‘l Missia! Gersù è ‘l Missia!” Ma cerca de qua, cerca de là, un lo trovonno: era sparito, éra vito solo solo ‘n vett’a ‘n poggio. E’l trionfo un l’importèva.
    Tanto lo sapiva che la gente avanti te fa ‘l trionfo, e doppo te mette ‘n croce; come de fatti andò a finire…… El citto de Bista


    A tutta randa Al massimo della velocità (dal linguaggio marinaresco)
    A bono Senz'altro, sicuramente proprio cosi.
    A buzzeffe Abbondantemente - A bizzeffe
    A fine forza Totalmente, in tutto per tutto
    A Guido Monaco Da quattro versi in pinzimonio
    Poro el mi’ Guido, te l’hén déto Rezzo!
    Per quante uno sia dotto, si aritino, dovaribbe oraméi essere avezzo a un trattamento come el saracino.
    Aggiongo che il Vasari e il Bonarroti Sol quéli fiurintini furon noti. Continuemo. Ne l’ottantadua Quande in piazza padella t’arizzonno, i tu aritini, ‘ntu la mente sua de pigliatte pel bavero pensonno, perché volto in ver Rezzo el cudirone te misseno in partenza a la stazione Costonno quele feste una risìa Ma questo non saribbe pue un gran méle; el mèle fu che i soldi andonno via senza che li godesse el principele, perché la gente - come sempre è uséto - festeggia chj festeggia il festeggeto.
    A le quattro a le tre Spesso
    A l'ultemo Alla fine.
    A menadito Conoscere molto bene
    A roccio Con impeto travolgente, senza alcun garbo
    A runculino Con una traiettoria parabolica, come la linea del falcetto
    A San Donéto A San Donéto (da l'aretino di A.Bassi)
    O chéro protettore san Donéto Una grézia ve viengo a domandére; un me guardéte méle si ho pechèto, si ho fatto quel che nun duvivo féré.
    Vedete ‘l mi’ cittin com’è maléto: tussisce sempre e un pòle rispirere. Liberateme vo’ da questo stéto, perché cusì un me sento de campére.
    Tutte ho piénto le lagreme del core, so’ divinuta sbianca più d’un repo me so’ ardotta ‘na rocca, ch’ero un fiore! San Donéto, denanzi al vostro chépo Verròe ‘gni giorno a uffrivve ‘l mi’ dolore, ardateme ‘l mi’ citto sinnò crepo. Anonimo
    A tonfo In modo repentino velocemente.
    A zonzo pel Corso

    Dal settimanale “Il Toscano” Firenze- gennaio 1979)
    Arvistito come “Millusse” hoè diciso dè ‘mbracamme ‘ntul “Corso” quel longo budello ‘ndù c’iamicchi testo e ciarvedi quello. Alora, io ho visto tutto cusì: era sul fère del cumbrugliume e fitti, fitti sciameveno a lastrecone a gommeto a gommeto; citte e citti che cicaleveno con aria buggiarona, ale prime vampéte de luce che s’acindiveno ‘ntu le botteghe.

    Dalla “Riccela” dù rabuschi impomatéti a festa si arguviveno de brice e semi salati le tasche, sputando le bucce in faccia alle genti.
    Più ‘nsùe un signorotto, calcagnotto dal muso lucedo come ‘na lastra de ghiaccio in l’inverno, infileva l’uscio dela botttega del “Tofani” per fasse aggiustere un cosciele dei calzoni che s’era rotto nell’inciampo contro un parafango d’una tumobele.
    Ho notéto anco, in piazza dell’UPIMME, rimpetto al barre “Cristallo” (a mi tempi se chiaméva "Mattio"), un branco de ciondoloni col giornele in mèno, ma che puntéveno gnì momento l’occhj longo la prucissione sul “Corso” a smircere qualche nuvvelo de pischelle che passeveno de striscio verso el Canto de Bacci.
    ‘Ntull’altezza del “Centro Montaini” qualche méma steva sofferma col muso appiccichéto ale vitrine de ‘RENATO” a smircere la fiera del bianco per pensere de comprere ‘na duzzina de lenzoli de lino rozzoleno per la citta maritéta da poco, armasta a chésa perché incinta.
    Sotto i “Portici” i solleti vitelloni e qualche sensale che stéva trattando la compra de qualche bestia, el tutto cundito, murmio, da risìe e altri stralocchi da fére apannére gli occhiéli dell’impiégheti alla banca “Toschena” che se vedeno da fori tutti argobbi in le seggele a contere i guadrini ‘ncassi ‘ntu l’arco dela giornèta.
    La crema de Rezzo, quelli che puzzeno de signurini arfatti e zuppi de boria, se noteno a trampelloni nel barre della “Chiaveca” o “Giommoni” che se butteno adosso a quei tegami de paste, come el ciuco del “Buricco” quande se stuffeva sulle vasche de “Santagustino” ai tempi che erano in voga le fiere del mistulino; pappandosi tutta la brodaglia che sapiva fére “Giggiò” de Saione.
    Doppo chj ha mangio troppo lo pùi ‘ncontrére alla farmacia “Merelli” ove el gentil dottore gne priscrive polvarine a base de bicarbonéto de sodio, onde sfondasse l’intistino e cavasse quel brucìo alo stommeco per pùi ire al “Prato” a sformare tutto sotto i lecci.
    I giovani quelli coi capelli longhi e le scarpe sbranéte, gli vedi drento al palazzo “Guillichini”, ritti e a butolone in la “Pizzeria” a consumere baratteli de pumidoro e chili de mozzarella; pocciando arancéte e nappi de vino. Ppu doppo per niente convinti, brontelono con quelli della “Casa del miele” che un li féno sdraiere sulla finistrina del negozio prossema all’uscio dela chésa del poro avvochéto, bonannema, Gatteschi.
    Da piazza “S. Michele” ‘nsùe pel “Corso” la folla diventa rada, ‘nsomma dimolti avverceno e in gramparte rifanno indietro la caminéta che li porta a ingollare i fiati puzzolenti dell’ultemi pensionéti statali che del “Corso Italia” aritino hano fatto la loro passeggiéta giornaliera.
    Alora de cena se spegneno le lampade dei negozi, i cristiani s’appropinqueno a attornere ale loro chèse, el “Corso” rimene come uno scivolatoio lustro, lustro e pieno de cicche e buste del “Santaprisca”.
    Orméi tutti sno ‘ntorno ala tavela a cenére e a incanalasse su qualche TV dele cento a porteta de méno. I tafanari de Rezzo, han passo la giornéta. E dimolto un se sbaglia quando se dice che la metropoli de Rezzo è arguluppa tutta qui.

    GOSTO DE REZZO

    Abadare Badare- Avere cura- anche Trattenersi
    Abarcare Ammassare.
    Abranculito Aggranchito
    Abrustulire e Abrusticare Abbrustolire - Tostare - Abbronzare
    Acappare Scegliere.
    Acattìno Chi chiede insistentemente qualcosa.
    Accipresso Cipresso.
    Aciaccamerde Piedi piatti
    Aciaccare Pestare.
    Acquarello Vinello - Acquerello bevanda fatta di acqua messa su le vinacce
    Acquarello Vinello bevanda fatta di acqua messa sulle vinacce
    Adepanare Dipanare - Aggomitolare
    Adoppare Nascondersi, mettersi dietro.
    Aella Averla.
    Afatare Dotare di poteri particolari con la magia " s'i' potessi trovèr una 'ndovina che m'afatasse dal chèpo a le piante".
    Affluenza Influenza.
    Afrore Sapore aspro, d'acerbo
    Agararsi Mettersi in competizione.
    Aggrappolarsi Arrampicarsi
    Aggraticciarsi Avvinghiarsi, persone che lottano, o che si abbracciano con passione.
    Aggrovicciolare Aggrovigliare.
    Aghiassare, Adiassare Mettere contro.
    Aglia Ala, intesa per i volatili
    Aguattare Aquattare
    Aguluppare Avvolgere.
    Agumincére Iniziare
    Alappare Impastare la bocca,importunare, asfissiare.
    Alarverscio Arrovescio
    Alazzito -Allazzito Stanco indebolito
    Albèstro Strano che non agisce in modo logico, Pazzerello, Stravagante
    Albistrirsi Incollerirsi, Infuriarsi
    Allumare Inquadrare, l'ho allumato subito.
    Alò e Aloe Andiamo, una delle espressioni più tipiche di noi aretini: "alò si và"? anche Suvvia!
    Alupato Per allupato, avere dei desideri smodati "Dio m'alupato che sei"!
    Amandela Mandorla
    Amatupìre Stordire con le chiacchere, ammaccare, pestare, "s'o tutto amatupìto"!
    Amiccare Accennare
    Amirare Guardare
    Ammurvidire Ammorbidire.
    Amorosi di Palazzo del Pero

    Lettera copiata dall’originale, trovata in Piazza S.Agostino, per puro caso il 10 maggio 1957 da William Monci.

    4 maggio 1957
    Carissima Beppa, vengo a scrivere cueste poche righe e sono molto dispiaciuto perché a me mianno racconteto certe chiacchere de te che sono tutte vere ma pazzienza pegio per tue che te le riconterò unaltravolta cuande che viengo aripigliere lorologio e sinnò tela racconto ora.
    Senti amore stesto una volta ora mentre non più sul serio miammo racconteto che tue mirculdì giorno primo magio sei ita con il Diminico e ai gireto tutto el giorno con lu e te sé fatta portere un bicigretta eppure aivi lappuntamento co un giovanotto e tu pestere con Diminico nongliele mantinuto e lu te vuliva menere donqua partemia fai come te pere procamad…
    io per cuesto fatto smetto senzaltro perché si tu eri una ragazza al posto un facivi questo donqua anco si tu nummi rispondi è listesso perché tanto io smetto perché cuesta è una parte che un mela duvivi fere e a me cueste chiacchiere mela ditte uno che sta al Palazzo del pero che ciae el cammio eppuie parliremo unzieme meglio cuande vengo aripigliere lorologio e io te dico che si unce chi te la gratta che io un te la gratto sicuro meglio sarei contento murire subbeto sul serio tralascio de scrivere perché co la penna unne untindimece ricevi tanti saluti chi sempre tarricorda tuo amico Menneco Doneti tarri corda per micizia non pera more.
    (Da Terra d’Arezzo un cantico di Enzo Piccoletti)

    Amoscire Divenire moscio
    Andarebbi Condizionale di andrei, futuro Andare.
    Andìa per vada e Andette per andò.
    Aneghére (I denti) La sensazione che si prova quando si mangia qualcosa di aspro e di agro.
    Aniscondere Nascondere.
    Annema Anima.
    Annemale Animale
    Anoioso Noioso
    Ansento Insegnato.
    Anteso Sentito, capito.
    Antrisa Miscuglio.
    Apaiasse Appaiarsi.
    Apaligginato Assonnato
    Apalligginarsi Appisolarsi.
    Apanechéto Apanicato, quando si ha la pelle d'oca per il freddo, o per forti emozioni.
    Apatocchiato Assonnato, come Apaligginato
    Apert' e chiuso Operato e rimandato a casa a morire
    Apicciare Accendere.
    Apittare Cambiare soldi spiccioli con monete grosse, " me le dà apitte per favore"?
    Apocare Diminuire.
    Apparlére, Apparlanne Riparlare, riparlarne.
    Aprodére Accantonare, spostare da una parte.
    Apùnto Appena, da poco.
    Aradio Maschile per "radio" femminile "l'aradio ha detto" "il mi aradio".
    Arbere Ribere, si usa per trattenere qualcuno: " un do' vè? 'spetta che s'arbeve"!
    Arcacciare Vomitare
    Arcattapoveri L'autobus di città, da noi la corriera, (per l'aretino verace, i signori non la usano.)
    Arcattare Raccattare
    Arcerchére Ricercare.
    Arcipresso Cipresso
    Arcontére Raccontare.
    Arcuminciare Ricominciare
    Ardire Ridire
    Ardoppasse Nascondersi dietro qualcosa.
    Arducere Ridurre a .
    Arfére Fare di nuovo.
    Argiochére Rigiocare.
    Argomitare Rivomitare.
    Argugliuto Arrogante
    Arguvìre Farcela - Riparare- Riuscire a stare al passo, accudire tante faccende " normalmente si usa la negazione "'unn'arguvisco".
    Arintufére Infilare di nuovo, inzuppare di nuovo.
    Aritini Per Aretini.
    Arivo Arrivato, espressione di chi non ce la fa più, "so' bel ch'arivo"!
    Arizzasse, Arizzare Rizzarsi rizzare.
    Arleccasse Ripulirsi, vestirsi al meglio delle possibilità.
    Armasto Rimasto.
    Armentare Rammentare
    Armentovére Nominare di nuovo.
    Armettere Rimettere, spuntare di nuovo.
    Armuginére Rimuginare.
    Arnuto, Arvenuto Rivenuto.
    Arocciare Colpire di striscio, l'ha arocciato una macchina"! Arocciolare "m'aroccio le maniche"!
    Arporre Riporre
    Arsettare Rassettare, mettere in ordine.
    Arsumiglio Fotografia, ritratto.
    Arucinarsi Strofinarsi a qualcuno.
    Arustire Arrostire
    Arvedere Rivedere
    Arvercio All'arrovescio.
    Arvisolare Ritornare in vita, riaversi da uno svenimento
    Asellare Annoiare con stupidaggini, discorsi lunghi e inutili.
    Asitare Sitare, emettere odore sgradevole.
    Ategnere Attingere
    Ava Aveva.
    Avellare Asfissiare.
    Aventare Scagliare - Arrivare con un lancio
    Avettare Superare l'ostacolo. "I tu' polli sono avetti nel mi' campo: si ce l'artovo li spenno tutti"!
    Aviére Avviare.
    Avviligione Languore di stomaco.
    Azzittare Azzittire.
  • Babbaleo Babbeo.
    Babbalucco Mammalucco, sempliciotto
    Babomorto Cadere pesantemente, gnè cadde adosso a babomorto.
    Baccagliare Vociferare.
    Baccina Vitella
    Bacellone Individuo semplice, sciocco.
    Bacioccolo Semplicione.
    Bafagna Spossatezza, con il caldo, "che bafagna"!
    Baggiolare Sar male in piedi - barcollare
    Bailamme Caos, confusione, baccano (dal turco bayram che significa "festa di piazza")
    Balacco Sciocco, credulone.
    Baldino Castagnaccio.
    Ballotte Castagne bollite
    Balòcio-a Testicolo degli animali da cortile. Castagna lessata con la scorza
    Balordìa Malore,turbamento.
    Balugano Grullo, balordo.
    Balurdìa Giramento di testa - Balordaggine
    Barazzòlo Chi dice una cosa e ne fa un'altra.
    Barcìle Palo del pagliaio
    Barullare Ruzzolare.
    Basilleco Basilico.
    Baturlare Rimbombo dei tuoni, bagliore dei lampi.
    Beccamorto Becchino
    Bécio Bacio.
    Beffanìa Epifania
    Bell' e composto Persona prossima alla morte, già immobile
    Berciare Urlare.
    Bercio Strillo, grido sguaiato: di protesta, di rabbia.
    Berignolo Torrentello di scarico, fognatura a cielo aperto
    Beschia Bestia
    Beuta Per bevuta.
    Biccìco Angolo della tovaglia, del fazzoletto, del lenzuolo.
    Biccicucca Bicocca - Piccolo castello o casolare in cima ai monti
    Biccigongolo Colpo di un dito che scocchi sotto un'altro dito
    Bicioccolo Bernoccolo
    Biduino Persona rozza, di vedute ristrette (beduino)
    Bietta Pezzetto di legno o di altra materia a forma di conio, Ciocca di capelli
    Bighino Piccino.
    Bilìco Ombelico.
    Billarini Tacchini," potete vire disse Chiavirino al treno doppo ch'ebbe cavo i billarini dal binério!
    Billo Tacchino.
    Birbonaio Confusione.
    Birignoccolo Bernoccolo.
    Bischero (bischeraccio, bischerata.) Stupido incapace.
    Bisgianguela Altalena.
    Biuto Bevuto
    Biuto Bevuto
    Bobo Insetto - Ad Arezzo anche l'Orco, Il bobo è usato anche per impaurire i bimbi.
    Bobolino Fare capolino.
    Boccalone Persona che ama chiacchierare e polemizzare
    Boglio Uovo andato a male.
    Boleto Fungo - Persona con le guance rossastre
    Bòna Modo confidenziale per salutare.
    Boncittino Personaggio che (dicevano) salvava le rane dall'annegamento
    Boncìtto Persona adulta di buon carattere.
    Bordare Percuotere, picchiare.
    Bordellotto Ragazzotto vispo.
    Bottega Patta dei pantaloni (O nonno, c'hai la bottega aperta!")
    Bragia Brace
    Brancicare Mettere le mani addosso a qualcuno o a qualcosa in modo inopportuno
    Bregliecare Indugiare - trattenersi inutilmente
    Bregliecòne Colui che breglieca
    Briccecare Trattenersi inutilmente, lo stesso che bregliecare
    Briccicare ( briccica) Occuparsi di cose di poca importanza, perder tempo.
    Brice (Bricia) Castagne, anche organo genitale femminile "Bricia".
    Briciòlo Piccolo foruncolo.
    Brindello Brandello di stoffa, o carne - Lembo strappato
    Brinzellone Fannullone - Sciocco
    Broccione Disordinato.
    Bròcco Stecco.
    Brollone Acquazzone
    Broncico Qualcuno che vale poco, doppo tanto ha trovo un broncico de marito.
    Bronco o bronchio Persona che ha la mano storpia o comunque che non più usare; è spesso detto a chi gli cade continuamente qualcosa di mano.
    Brucolo Brufolo
    Brusichìo Brusìo.
    Bucchio Un ciuffo ("Gn'ha strappato 'n bucchio de capegli!", "Un bucchio de lana")
    Buco de traverso Essere maldisposto (O che te se' svegliato col buco de traverso?)
    Buco ritto Oziare (Moveteve! Che state lie a buco ritto a guardà la televisione?)
    Buco torto Malvolentieri (Andò via a buco torto)
    Budello Voce offensiva verso persona da disprezzare.
    Budriolo Budello, soprattutto donna abnormemente grassa
    Bufare Nevicare.
    Buggiulùcco Portare qualcuno, qualcosa sulle spalle.
    Bugi Zitto, non dirlo a nessuno.
    Bulugnino Trifoglio.
    Bumbare Modo di bere.
    Bumbo Modo con il quale i bimbi chiedono da bere
    Buratto Bersaglio girevole, mezza figura di Moro che i cavalieri devono colpire,nella giostra del Saracino. Inoltre ha il senso di bruttezza, è brutto quano'l buratto.
    Busalone Calabrone.
    Busìcone Uomo ingrato
    Butelasse rotolarsi per terra.
    Buttìno Pozzo nero,voce spregiativa per una persona quella è un buttìno.
    Buttulicchio Girino, piccola rana.
  • Cacàccioli Pallottoline di carta masticata, (per gioco venivano tirate con elastici e cerbottane.)
    Cacamme Tutto fondoschiena
    Cacasentenze Sputasentenze.
    Cacchiòni Spuntoni delle penne.
    Cacina Meschina al femminile "hai fatto una figura cacina".
    Cacio Formaggio.
    Cacona Paura.
    Caggére Forma antica di cadere.
    Caione Porcheria, ragazza molto brutta
    Calcagnolo Calcagno.
    Caldare Scoprire, "ero lì co' la sù cìtta el su babo me caldò"!
    Calìa Persona noiosa, che fa storie.
    Callare Diminuire.
    Caluvìa Favilla, scintilla di fuoco.
    Calzinotto Calzino.
    Calzo Zeppa, pezzetto di legno per calzare mobili che dondolano.
    Cami I camion.
    Cammarilla Tresca, accordo nascosto
    Can guasto Persona con handicap motorio ("Va via che sembra 'n can guasto")
    Candèpela Edera.
    Cannata Grossa batosta, soprattutto economica! "M'ha dato el conto...Madonna che cannata!"
    Canterano "cassettone" mobile di legno fornito di "cantere" cassetti piuttosto grandi per la biancheria.
    Canto Angolo formato da due muri, si usa per denominare alcuni punti della città.
    Cantone L'angolo del focolare .
    Canzonarìe Prese di giro, derisioni.
    Capegli Capelli
    Càpera Capra
    Capirotti Arance di buon sapore, ma con una parte da buttare perchè marcita, spesso tolta da chi le vendeva a basso prezzo.
    Capitondolo Capitombolo
    Capitoni Alari del focolare.
    Capone Chi ha la testa grossa, persona testarda.
    Carabattole Masserizie, oggetti di poco valore.
    Caratello Piccolo barilotto di legno.
    Carbunina Antitarme, naftalina venduta a scaglie.
    Carcare Caricare.
    Carcioffo Carciofo
    Caristìa Carestia
    Carola e Tonio a una festa da ballo

    Dalla radice ai germogli in terra d’Arezzo

    Tonio: Come s’è bella stisera Carola! Un t’arcunuscivo manco tutta inghingheréta a sto modo!…Me pére d’essere artonno ai nostri tempi..quande ce se fidanzòe e s’andette a quella festa in tu Rezzo!..
    Carola: Caro Tonio!… gna fére onore a la nostra nepote che oggi fa el fidanzamento caporéle!!
    Tonio: Ma s’è proprio gnurante un c’è che dire! Se dice fidanzamento ufficiéle!…
    Carola: Uh! Come véi per il suttile..tanto fae capiténo, caporéle ufficièle o un’è l’istesima?!! Ma anco tu Tonio s’è bello oggi col tu vistito novo, tutto rimpulizzito! Vieni qua a sidere in questa seggela che c’è posto, tra poco arrriveno gli invitéti, féno proprio una bella festa soneno el grammofeno e pù déno da mangére i pasticcini e da bere!… (entra un gruppo di giovani e ragazze fanno un gran baccano saluti, auguri, risate)
    Tonio: Carola ecco la nostra nepote coi su amici el su fidanzéto..mira com’è bella!!
    La nipote: ciao nonnina ciao nonnetto, vi presento il mio fidanzato!
    Carola: Qua la mèno giovanotto e tiene sempre da conto la mi’ nepote!
    Il fidanzato: non dubiti, ora se permettete facciamo quattro salti con i nostri amici!
    La nipote: anche voi ballavi ai vostri tempi vero?
    Tonio: Certo!.. E che marzucche, che valzirini! La tu nonna ballèva cusì bene che sembrèva un frullino.. Ma andète a divirtivve!.. (si sente una musica indiavolata, moderna che i giovani ballano dimenandosi tutti)
    Carola: Accidenti che museca ‘ndiavolèta, m’asurdisce guarda quelle dù coppie come se dimeneno sembra che aisseno el palleteco! Oddio Tonio quei dua là se dèveno sintì mèle che se son rialzèti subbeto!! Tu me dichi sempre che s’ho rimèsta arretrèta…sirà…ma me père d’essere ‘ntu un manicomio, o tur’un’ospedèle un do ce sono quelli ch’èno el palleteco!!.. Guarda quello!..pare che letichi co la fidanzèta!.. l’ha dèto uno strattone, la manda via pù l’arpiglia, pù l’arbutta lonténo!! Ora che féno?.. Mio! Se metteno tutti in fila, féno un saltillìno, come quande noaltri da bighini se giochèva a campagna!!
    Tonio: O Carola come se dimeneno! Sdringheleno le mèni in alto! ..tremeno tutti!.. sembra come quande se vidde el film de negri che ballèveno! Madunnina!. Me fèno girère lo stommeco a mirèlli!..
    Carola: Meno mèle ch’è funita questa museca! Altro che le marzucche dei nostri tempi! Un ci’arcapisco un chèvelo coi balli d’oggi giorno, se vede che semo fatti vecchi! (chiama la nipote) Rosina un potaresti mettere un disco un po’ meno ‘ndiavolèto?!
    Nipote: Subito nonnina! (si sente la musica lenta! I giovani ballano tutti abbracciati, quasi sempre in un mattone).
    Carola : Scuseme Tonio, ma ‘n te père che se stringheno troppo! Mira quella taccagnotta com’ha misso i su bracci gnudi atorno al collo de quel citto.. père che lo voglia strangolére!.. Ai nostri tempi se stèva lontèni un miglio e certe cose un se faciveno manco doppo cinque anni de fidanzamento! Amira quelo screanzèto come soffia ‘ntu l’urecchie de quella citta!! E quel’altro come scende le mèni verso el dereténo. Ma pù un sembra manco che balleno, stèno sempre fermi ‘ntu quel mattone?!..
    Tonio: Peroe anco noaltri quando se faciva a l’amore, che vinivo a chèsa tua, la tu mamma ce faciva la guardia.. quando sonnecchièva, io de sotto la tavéla allunghèvo le mèni e tu me le strignivi mentre facivi finta de fère la calza!..
    Carola: Questo è vero!.. ma nun se faciva mica quel che fèno oggi! Guarda quello con l’occhi arvolti al tetto come sbaciucchia quella citta!. Se stringheno coe se fusseno soli!! Una volta certi versi un se faciveno!!
    Tonio: E’ ragione! Un c’è più timor de Dio, quei versi se faciveno noi giovanotti un tul Borgo de le Fosse, un do c’erano le chèse che la Mirlìni ha fatto chiudere!!
    Carola: Ah! Donqua s’è ito anco tu ‘n quel borgo?!.. Oh Tonio un cridivo mèi che tu m’encornasse a sto modo! (cambia musica, è un walzer)
    Tonio: Un fére la stupeta! Alora un te cunuscivo mica! E ‘n cumincère a frignère e brontolère, facimo piutosto questo valzirino anco noaltri, un semo mica ancora tanto vecchi, gna essere sempre in aligria, cusì come dice Maìche Bongiorno, e pensiemo a la salute pensiemo!!!
    Guidelli Giuseppe (Beppe del Fuggi)

    Castrone Uomo buono a nulla
    Catello Oggetto di qualità infima, che si rompe subito (es: un orologio da polso o un motorino)
    Catorcio Chiavistello, persona o cosa ridotta male.
    Cavallone Grossa onda nel mare
    Cavo Contrazione di cavato, tolto.
    Cavolella Qualità di cavolo poco pregiata anche per la testa di un uomo con calvizie incipiente
    Cazzabubbolo Persona sciocca, di poco conto. Anche per, qualsiasi ammennicolo, soprattutto quando non funziona bene "Dove se'nfila 'sto cazzabubbolo?")
    Pronome usato al posto di ci "ce piace"!
    Cècce A Mettersi a sedere.
    Cecia Scaldaletto a brace
    Cenciata Grossa sconfitta al gioco; carte o altro "gli ho dato una cenciata".
    Cendara Cenere.
    Cerbo Acerbo.
    Chécio Cacio.
    Cheje Che - aggiungere una lettera o una sillaba è molto comune,"meje, teje".
    Chiappare Acchiappare, prendere.
    Chiappino Era un gioco dei bambini che si rincorrevano per acchiapparsi.
    Chiattita Dormita.
    Chiavica Per gli aretini era un modo molto usato per indicare il punto del Corso, allora Borgo Maestro che s'incrocia con via Garibaldi nei pressi del bar.
    Chicco Caramella infilata in un bastoncino.
    Chinchesia Chiunque
    Chiocchino (Fare) marinare la scuola
    Chiocco Botta, colpo.
    Chiòrba Testa grossa. Ha una chiòrba che unn la regge.
    Chiorbone Testone, lento a capire
    Chiorochiochiò Voce a chioccia
    Chiuvélle Nessuno (di quelli che vorresti) " chi c'era? chiuvèlle!"
    Chjocco Botta.
    Chjòcheno Stupido, credulone .
    Ciaccia Focaccia
    Ciacciare Impicciarsi, curiosare.
    Ciancia Moina, complimento.
    Ciancioso Chi fa o riceve moine.
    Cianfo A A volontà.
    Cibeca Chiaccherona, buona anulla, (usato solo al femminile.)
    Cidròne Cetriolo
    Cignare Battere con la cintura ( "Fa'l bravo, sinnò te cigno!")
    Cignata Urto fortissimo, batosta ("Ha battuto 'na cignata co la machina!")
    Cignolino Cinturino dell'orologio
    Cilacca Botta, colpo sonoro, ceffone.
    Cimbanella (Andare in) essere brillo, smoderatamente euforico.
    Cimiccare Accennare
    Cinnitòio Mattarello.
    Ciòmbare Ammaccare.
    Citrose Ritrose, capelli ribelli al pettine.
    Cittino Diminutivo di citto
    Cìtto/a Ragazzo/a, per un'aretino questa parola vale quanto Alò.
    Ciufelo Zufolo
    Ciundriana Donna molto trascurata nel vestire.
    Coccomero Per cocomero.
    Codirone Il coccige dell'uomo.
    Cogliombero Coglione (in modo elegante)
    Coglione Persona che, per carattere, non capisce molto; ma anche detto a chi lo fa di proposito "Sta firmino, 'n fere 'l coglione"!
    Coltrone Coperta pesante invernale
    Commedo Comodo.
    Compagno Uguale.
    Compiccìare Lavorare senza conclidere.
    Com'un pollo cieco Avere tutte le attenzioni per vivere nell'agio e nel benessere "stò com'un pollo cieco"
    Concio Conciato. Detto a persona in stato disastroso per vari motivi. Anche letame.
    Condire E' anche picchiare "se te chiappo te condisco io".
    Covaccioni Seduto sulle calcagna, accovacciato.
    Cristjéno Persona in generale.
    Crostello Un pezzetto di crosta di una fetta di pane indurito.
    Cucchiumare Sistemare, conciare per le feste, o, prendere in giro.
    Cuccumeggia Reverenziale
    Cuccumelle Moine.
    Culaccio Il fondo di bicchieri, bottiglie, ecc...
    Culino Arnese per filtrare liquidi.
    Cumbrugliùme Crepuscolo.
    Cunigliolo Coniglio
    Cunumìa Economia.
    Curdillina Camiciola Intesa tra più giocatori per far perdere qualche compagno e poi dividere.
    Curìre Correre.
    Cusì Così
    Cuzzi cuzzi Espressione usata in famiglia, quando i bambini hanno la tosse; quasi per guarirla.
  • Dammene un che me n'è morti due Persona menefreghista ed insensibile che non si cura di chi lo circonda, nemmeno i parenti
    De (prep.) per di, "de che parlevi"?
    De Catti Di grazia, grazie a Dio, per fortuna.
    Del paro In egual misura.
    Dèto (el) Il dito.
    Diaccio Ghiaccio.
    Diacere Stare coricati
    Diassare Mettere contro, (di solito un cane.)
    Dicivèno Dicevano.
    Dilungheria Lungaggine
    Dirazzare Qualcuno che si allontana dalle abitudini della propria famiglia o del gruppo cui appartiene.
    Disenére Pranzare.
    Ditarino Ditino.
    Ditto Detto
    Diusìlla Discorso lungo.
    Doa Due
    Dòlco Tempo mite, vento caldo.
    Domenneca Domenica.
    Donne d'Arezzo Nun vò parlanne io, perché el mi’ dire Giuddicheto saribbe malamente, déto che ognuno è indotto a prifirire con maggiore sempatia la propria gente. Orméi se sa che mèl ragiona el core Si de mezzo c’è l’odio o pur l’amore. Ho ditto bene, ma un me so’ spiegheto.
    Ecco un’esempio. I furistierinin coro Quande d’Arezzo vèn pel caseggeto Guardon le donne de straforo; ma ppùe da la bellezza son sì presi che a guardalle starinno più d’un mesi. Un faccia chéso.
    Dimme: l’hèi mèi letto El bel libro del nostro fra Guittone ‘nducche parla d’Arezzo e ‘l su’ distreeto? Fa de la nostra donna un paragone: le’ vence ogni altra donna senza fallo per quante l’oro vence ogni metallo.
    Alberto Severi (da quattro versi in pinzimonio 1957)
    Donqua Dunque.
    Doppo Molto usato per dopo, anche ironico " ho pescato trenta trote".....Doppo!
    Drento Dentro.
    Dringolare Dondolare.
    Drucchiare Strusciare con forza, Drusciare(senza violenza) Druscione (con effetti meno forti)
    Druscione Colpo dato con la mano per disgrazia o per cattiveria, minaccia: "te dò un druscione".
    Du‘ Dua Due, "me dè du' fichi?...Me n'ha dati dua de numero"!
    Dugento Per duecento, usatissimo.
    Duino Soldo di scarso valore.
    Durmìre Dormìre.
  • E In diverse parole è: i "disiderio, billino".
    E 'n fiasco d'olio Aggiunta ironica ad una richiesta esosa ("Sie...e 'n fiasco d'olio!" sta per "Non ti sembra d'avere esagerato con le tue richieste?")
    E‘ Per hai "è visto ma bello"?
    E‘ceno Acino.
    Educanza Educazione.
    Ego Ago.
    El In cambio dell'articolo il
    Ennino Forma di compatimento, "ennino che hai fatto"?
    Entrone Androne.
    Eppù Poi.
    Erbucce Cose inutili
    Eremo Eravamo.
    Eria Aria.
    Ete Avete.
    émo Abbiamo.
    énno Per sono, essi, enno a chesa.
    éssi Sii, "éssi furbo! Essi bono"!

    Facenda Faccenda.
    Fadiga Fatica.
    Fadiga Fatica.
    Fanfaluca Leggero frammento di carta bruciata che si leva in aria, anche fandonia, sciocchezza.
    Fànfano Armeggione, chiaccherone.
    Fare i matti da Gello Comportarsi in modo assurdo e deleterio, come una famiglia di Gello famosa per la sua vena di follia familiare
    Farfallone Poco attendibile.
    Fé dda gobbo Fare il finto tonto.
    Febbra Febbre
    Fére conto Aver deciso, considerare.
    Fichi Fare moine prima di accettare qualcosa, fare i leziosi "quanti fichi fai".
    Ficoso Individuo smorfioso, uggioso.
    Filarino Una "storia " fra ragazzi.
    Financo Fino a che.
    Finiron le fave al locco Finiron le fave al locco, eppur n'aveva 100 moggia: il locco (allocco) è una persona poco furba ed anche se ha grande fortuna, questa prima o poi si esaurisce
    Firmìno Fermino, "aloe stà firmìno"!
    Fischio Fiera del fischio, quella della SS. Annunziata il 25 marzo: c'erano fiori e oggetti vari ma soprattutto il permesso di usare fischi metallici per fare chiasso e dar fastidio alle ragazze, veniva usato anche lo Yo-yo una piccola rotella legata ad uno spago, con cui venivano colpite le gambe delle ragazze, che nonostante tutto erano sempre presenti alla fiera del fischio.
    Fistiare Fischiare.
    Fittumaio Insieme moto denso di persone, piante.
    Fòra Fuori.
    Fostàcchia Pozzanghera.
    Frignone Piagnucolone.
    Frizzìre Arrabbiarsi.
    Frucinamento Fare la corte.
    Fruntino Colpo dato sulla fronte col palmo della mano.
    Fulminante Fiammifero di legno.
    Fumaraglia Fumaraia Fumo in gran quantita.
    Furcìna Forchetta.
    Fusato Fosso
    Futtìo Molto.
  • Gabbana Specie di cappotto molto ampio.
    Gagghio Caglio.
    Galloppola Sporgenza ossea in prossimita delle caviglie.
    Gambetta Per Sgambetto.
    Ganascia Mandibola pronunziata
    Ganascione Colpo forte dato con la mano nella mandibola
    Ganzo Fidanzato, amante
    Gargalozzo Gola gozzo.
    Garganella (Bere a) Modo di bere lasciando cadere il liquido in bocca dall'alto.
    Garganella Bere a garganella, a doccia dalla bottiglia senza appoggiare le labbra
    Gargarozzo Esofago o canna della gola dalla quale respiriamo
    Gattoni Carponi.
    Gattuso Abbrutito, emarginato (dal bizantino katousos= quello che sta sotto, cioè sotto terra, nelle prigioni)
    Gaucchio Fagottino
    Genga Donna sciatta
    Ghiacere Giacere.
    Ghiacere Stare coricati
    Ghiavolo Diavolo.
    Ghiavottolo Sasso un pò grosso.
    Ghingheri (essere in) Elegante.
    Ghiòzzo uomo ottuso, rozzo.
    Ghjuttizia Ghiottoneria.
    Giocolante Saltimbanco.
    Giollo Scemo, ritardato
    Gionto Giunto
    Giovarsi Fare uso di qualcosa senza provare nausea o schifo "se te ne giovi puoi berci anche tu in questo bicchiere".
    Giubba Giacca per uomo, voltare partito, cambiare idea " sei un volta giubbe!"
    Giubbata Una notevole quantità, in particolare nel senso meteorologico ("Ho preso 'na giubbata d'acqua!")
    Giuccamatta Strana, pazzerella.
    Giuppersue Più o meno
    Gnagnera Lamento eccessivo.
    Gnana Lagna
    Gnaràe Bisognerà.
    Gnavolare Miagolare
    Gnene Gliene, "'gnene ho detto"!
    Gnicche Tipo infido e losco (dal nome del famoso brigante) "C'ha 'na faccia da gnicche che me piace poco!")
    Gnudo Nudo.
    Gnùttelo Pipistrello
    Gobbi Cardi
    Gobbo Il fante delle carte da gioco.
    Goio Stupido incapace. (Anche bischero)
    Governere Dar da mangiare.
    Graffiacristi Persona dalla religiosità ostentata, sempre a carezzare statue
    Grattino Chi di solito ruba o tenta di rubare al gioco.
    Greppo Fianco del fosso.
    Griccia (Fare la) Bambino che sta per piangere, Gricciarsi, impermalirsi.
    Grispignolo Erba che si mangia mischiandola all' insalata
    Groppone Schiena di una persona.
    Guaderno Quaderno.
    Guadrinaio Riccone
    Guadrini Quattrini.
    Gualdrappa Drappo.
    Gudìo Godimento.
    Guméa Un piatto di cibo pieno, fino all'orlo.
    Gumìtare Vomitare.

    I billarini I Billarini ( Da“L’Aretino piccolo vocabolario”) Alberto Basi
    Un’òmo era ito ‘n campagna per arcattare qualcosa. N’turun campo c’era una billa co’ su’ billarini che razzoléveno. L’òmo, ch’éra de mestieri, aciuffòe la billa e subbeto gli tirò ‘l collo. La misse drento un sacco e se mosse per attornére ‘n dreto, ma tutti quei billarini lo seguiveno e pigoléveno.
    Lù ebbe paura de quel chiasso, che sintisse ‘l contadino, e chiotto chiotto co’ la boce bona gli diciva: “Billarini ite a chésa che la mama un torna stisera
    I Mia La mia famiglia, i miei genitori..
    Ideoso Pieno di idee.
    Ie e Sie Si, ie va bene, ie ora vengo.
    Imbavare Trattare male, anche stordire con le parole.
    Imbrattére Sporcare.
    Imbuzzire Imbronciare
    Immaria L'Ave Maria.
    Impillaccherarsi Sporcarsi con schizzi di fango.
    Impippiarsi Mangiare esageratamente.
    In Dù Dove?
    In Làe In là
    Incapellarsi Andare in collera.
    Incendarére Incenerare.
    Inceppìto Avere male di testa.
    Inciampicare Inciampare
    Inciancinire Rincoglionire
    Incicciare Travolgere ferendo, di solito con l'auto
    Indacquare Annacquare.
    Inducchesia In qualunque posto.
    Induvélle In nessun posto.
    Infognarsi Cacciarsi in una situazione, senza apparente via d'uscita.
    Infrenare Attorcigliare.
    Ingarellarsi Attaccarsi a qualcosa da fare.
    Ingarzulìre Diventare allegri, anche Ingalluzzire.
    Inghiano Indiano.
    Ingollare Inghiottire in fretta.
    Ingombro (di stomaco). Quando una persona non ha ben digerito.
    Ingorzata Grossa bevuta in un solo sorso.
    Ingricciarsi Impermalirsi
    Inguastito Arrabbiato.
    Inguluppare Avvolgere.
    Innausito Nauseato.
    Insense Insegnò.
    Intenduta Capita.
    Intinto Intingolo, sughetto ("Pulenda co' l'intinto")
    Intoppare Incontrare inaspettatamente.
    Intrampelere Inciampare.
    Intu ‘ntu In su, nel.
    Intufare ‘ntufare Immergere qualcosa in un liquido.
    Inturbolare Intorbidire
    Inzecchére Azzeccare, indovinare.
    Ire (ito, ite) Andare (andate, andato) "'enti un du' e ito"?
    Istesimo Listesimo stesso, Medesimo.
    Istéte Estate.
  • La lingua del 300 Questa risposta nasce da diversi bischeri di toscani che sul Vernacoliere non fanno che dire male degli aretini.
    Una tizia poi ha voluto arrivare fino alla feccia del suo linguaggio dicendo fra l’altro: “sappi che gli arretini stanno a ‘Senesi come i Pisani stanno ai Livornesi. E allora pe’ ristabilire l’ordine di sto’ troiaio che è l’Italia, io ci avrei la soluzione del rebusse: o perché un sì rizza su un bel Granducato di Toscana e tutto i’ resto d’Italia pe’ cazzi sua? E Arezzo? Arezzo si terrebbe come un feudo” !! – Chéro Cardineli, Vorrebbi arprendere un discursino che un funì l’ultema volta, perché sarebbi anco un tantino ‘ncazzato de come se vole giuddechere l’aritini. Qualche ‘gnorantello apre la bocca come aprirebbe el buco del culo; senza documentasse che anche i muscini hano un’ombra.
    El nostro parlere scarabocchiere in uso del contado aritino, se un pòco v’aggiornéte su’ libri potarebbe menere el chén per l’aja. Oppure favve ‘ntrere su’ chépi senza cerveglio che storeci da nomi ‘mportanti hèno bofonchièto a chare lettere che la parlata dialettale de Rezzo e dintorni (che sempre meno purtroppo viene adopréta oggi), è la lingua che parléva nel trecento el popelo d’Itaglia.
    Quella ‘ngrippata de TOPA che vòlle rizzere un Granduchéto come ai tempi de CANAPONE un regge mica! Arezzo doventere un feudo di chi??
    Disse bene Dante: “UOMINI SIATE E NON PECORE MATTE”. Oh Trojai! Denigratori de una città Etrusca. Fratelli merdaioli toscheni, un sapete, urinali, che Rezzo con i su’ rigagneli d’acqua come l’Arno e il Tevere héno avvercéto i distini d’Itaglia? Che nasce a Firenze l’Arno? Simmai da noi parte e a Ponte Vecchio alaga. Se quei segaiuoli de Romelo e Remo andeveno a lavasse el muso sul Tevere, posseno ringraziere el nostro monte Fumaiolo. Me sbaglio o anco Michelangelo era néto nei nostri paraggi?. Che forse el Vasari era scudellato a Siena? Sinnòe voialtri livornesi, mica aéte cunusciuto un tale Guido Monaco, inventore dele note musichèli? Il Piero dela Francesca che forse ‘mparò a fére l’imbianchino a Lucca?? “GENTE, A CUI SI FA NOTTE INNANZI SERA”, avrebbe ditto un certo Francesco Petrarca ‘aritino anco lù) se nel 1.300 fusse isistito el Vernacoliere.
    E tanto per armanere in su’ la storia, quell’eretico di Pietro Aritino che dannere fece tutta la Roma papalina. Forse ch’era nato a Pisa?
    Oggi a dir pòco, Rezzo è cunsideréta la prima città ‘Ropea dela lavorazione dell’oro.
    Meditate toscheni, meditate, come ardice quelo dela birra. Sennòe, duralla de testo passo, se doventa vitteme dela più alucinante coglionizzazione méi vista; e tanta gente farebbe bene a bociere de meno e a pensere de più, se un vole un giorno trovasse a fére la pesca del Giunti: “Acqua sino ai coglioni e pesci punti”.
    El Direttore ha così risposto: “o sennò come disse Pasquale”: o Gosto de Rezzo, come parli male”!
    Gosto de' Rezzo
    La prima domenneca de settembre

    Poesia in vernacolo sulla Giostra del Saracino del poeta aretino Tullio Sestini Pubblicata nella rivista“Prospettive nel mondo” di Roma nel 1985
    La prima domenneca de settembre ‘ntu Rezzo, se corre la rinométa “Giostra del Saracino”.
    L’aceno dell’uvva ‘ntul l’albero è mezzo E le nane del contado godeno ancora el solarino.
    La Beppa de Culcidrone se prepara e se svernazza a nfilere nel catino, le bibite ghiacce, per la “Piazza”.
    Intorno in le tre, nel Sagreto del Domo, apparisce le comparse i cavalieri le déme e tutti i capiteni.
    Méi tanta gente s’ardunéta e ‘ngrugnisce per lunghere l’occhji e fasse posto con le méni, onde premere tù i carabinieri: ‘ntal confusione ammirere del Vescovo la rituele binidizione.
    Se snoda doppo el curteo per la scesa, Cesalpino S.Francesco e gionge traverso Guido Monneco e via Roma, 'ntul Corso facendo pòsa e godere un po’ de fresco.
    La città ai furistieri un grande spettachelo de folcrore dona.
    Sapparte: botte de tamburi, sonéte de trombe nitriti de cavallo da via Mazzini s’arriva a Borgunto, e qui l’intervallo.
    Quande el cannuncino de “Fortezza” dae la cignéta tutti i saraceni entreno, suddetti, in “Piazza Vasari”.
    Dunqua se prepereno per la battaglia così agognéta perché nissuno vole essere con le lance, alla pari.
    I Culcidronesi i Porta del Foro, insomma l’aritini, tanto de S.Spirito e S.Andrea un voglieno essere picini.
    Se noteno in “Piazza” i musi più cunusciuti de Rezzo fasse dal sindeco alle altre ‘llustrissime autorità.
    Dreto a testi un manca el Piccoletti, tanto avvezzo a essere el babo de tutto, in queste feste dela città.
    Anco el Balestri un se creda che c’è li per zullere, dal primo a l’ultemo armigero deve, murmio controllere.
    Con sfavillanti pastrani i “Sbandieratori” irruenti, inventeno giochi da strappere applausi e riconoscimenti. A chéso se potrebbe rammentere tanti altri aritini che a la “Giostra” han deto dimolto del loro ardore, come al Monci, non dimentichéto maestro dei tamburini, al Gilardetti che del “Saracino” è stèto grande animatore.
    A scivolone nella “Piazza” quande ‘ncumincia la “Giostra”. Tutti i sguardi sono arvolti al “Buratto re delle indie”.
    E tra la follas’intoneno canzoni di casa nostra, mentre i cavalieri a lancia tratta tenteno un punteggio pingue.
    Doppo le otto carriere dei nvelli “Donatino”. I Magistrati Assegneno la vinceta ai più bravi e anco ai fortuneti.
    La “Giostra” è finita: scendeno le ombre dela “Pieve” in “Piazza”. La gente eccitéta e stanca, s’entrufela ‘ntui borghi. Nel “Rione” vincente, per la gioia, se beve e s’impazza e alla “Chiaveca” come a S. Agustino se noteno l’ingorghi.
    Rintrona per tutto un coro “TERRA D’AREZZO UN CANTECO” del maestro “Pietri”; sperdendosi nell’aure del volgo el sono romanteco.

    La pulenda come se mangéva Da “ai mi tempi”
    C’era quela de brice e quela de grinturco. La pulenda de brice ‘n chésa mia ‘unn s’uséva; eppù, si te l’aéssi a dire, me piacìva poco perché stucchéva.
    Quela de grinturco me piaciva de più anco perché se faciva ‘n tanti modi: una “lecca” appena fatta, tagliatela col filo e con sopra un po’ de ‘ntento o de chécio; abrustechéta o cor un gràppelo d’uvva passa per companeteco; fritta a fette o fritta a triciulini chere ancora più bona…
    Robba da poviri? Sarrà! Ma s’aiva du gote bianche, rosse e tonde che parivon du’ mele. I ragazzi d’oggi, con tutti gli intrugli ch’eno ‘nvento, certe volte me peon tisichi
    (el citto de Bista) Mario Scoscini
    La su‘ morte La cosa migliore, l'ottimo
    La Uno S I numeri degli autobus in città sono al femminile, anche perché l'autobus é la corriera.
    Labbrata labbrone Colpo con dato con il dorso della mano, sulle labbra di una persona.
    Lacca Cilacca Colpo botta sonora.
    Lacchezzàre Pomiciare, piu recentemente, prendere in giro, "o che fé me lacchezzi"? Lusinga.
    Làe Là.
    Lagnìo Piagnistéo continuo.
    Lallerare Spassarsela.
    Lallerare spassarsela.
    Lasca o lascone Furbone.
    Lauro Alloro
    Lellero Morbido, tenero.
    Lente Lento.
    Lente-lento Non stretto bene "questo nodo è troppo lente".
    Lévo Lavato.
    Lèvo Alzato levato.
    Libecciata Sonora batosta ("Ha giocato a scopa...ha preso 'na libecciata!") dal nome del vento Libeccio che quando soffia forte provoca danni
    Lica Chiedere qualcosa in quantità modica "datemene una lica" forse un'accorciamento della voce "mulica" (mollica)
    Licite Gabinetto, W.C. ,latrina.
    Lignano E' un monte che fa da naturale stazione meteo " quande Lignano mette il cappello (nuvole) o aretino prendi l'ombrello".
    Limbuto Imbuto
    Lìmosina Elemosina.
    Linghiera Ringhiera.
    Linzolo Lenzuolo.
    Lisca Un pezzetto di qualcosa.
    Listessa La stessa.
    Litterina del soldeto

    Testo Dal settimanale “L’Etruria” 1974

    Mia Carulina, arsono oraméi una settiména che m’altrovo quàe ‘ntu Venezia alla caserma “Manin”.
    Te dico subbeto che un ce stò pònto vulintieri, fra testi caneli, calle, fiumicini, fiumiciatteli e altri rigagneli d’acqua. Lo sciacquio me da el nervusismo.
    Méno vistito che arsumiglio a uno della “Banda G. Monneco” quande féno el cuncerto in Piazza San Francesco. Pùe è un seggueto de saluto, atenti, riposo è stére de guardia al Cumando de Brighéta: credeme quande dico che dovento matto. Almeno a chésa mia da “Varacone” scindivo su Rezzo e gionto ‘ntul “Corso” me putivo scrollere i zoccheli sulle lastre, mentre quassùe me tocca imburicchere ‘ntu el vaporetto e se dura dimolto la svaporéta, quando scendo tutti i budegli l’hoe scoccioléti. Doppo el chépo me frulla come aessi biùto un péio de litri da “Memmo”.
    Te penso Carola un futtìo. Iernotte ho sognèto che t’impivo de beci e nella frinisia t’ho stacco un bocone d’urecchio; te sgoccioleva un baroccio de sangue, cò ditto fra me: portemela in lo spedele. Me so sveglio ill’istante e niente era vero. Un tu bécio m’avaribbe ‘ndulcito la gola e sciolto l’umori che me rodeno drento .
    Basta con el rammentere teste frinisie e arvinimo a noi. Hoe acanto lo zaeno con sopra el tù arsumiglio, quande te smircio vò in brodo de giuggiole e per questo te mando a dire che fra una vintina de giorni c’è el giuramento: avaribbi contentezza tù vinissi a trovamme, cusì se starenne ‘nsieme.
    Maghéri, murmio, dillo anco ala nepote del “Mulichela”de Misceno te farebbe cumpagnia e nn’aresti paura del treno e delle gallirie. Eppù un fére la coglionaccia, quande séi ‘ntul convoglio e te scappa la piscia, in fondo al vagone c’è lo stanzino ‘ndove pùi fére el ti porcaccio commedo.
    Te spiegarò’naltra volta el giorno priciso del giuramento, ma sei éi voglia de scappére quassùe ‘nte scurdere de portamme ‘na stricéta de prisciutto mezza corona de rocchi e una forma de chécio picurino.
    Domenneca doppo la libera uscita so ito in piazza “San Marco” tanto grande e rinométa, pùdoppo me so fatto la futugrafia: ho compro dù mancéte de grinturco per governere i piccioni, che birbaccioni me son saltéti tutti adosso e méno sconcacheto la divisa .
    Un tedico com’è funita: basta che tu sappia che so torno subbeto un caserma a sbruschinamme col sapone la muta militere e mettela a sciughere sopra la branda, e io in mutande lì come un coglione. Sarebbi anco amico d’un caporele ch’è de Rezzo, stà in Fontanella.
    L’altro giorno gné dissi se s’andéva in libera ‘scita unsieme; ma lù m’ha ditto “Cue unn’esco perché doppo bisogna pigliére la sbornia, eppù è l’andamento da (gonzo)”.
    Alora déto che un sòe un (gonzo) gnò ditto quella sistina del nostro Redi (Bacco in Toscana).
    HAN GIUDIZIO E NON SON GONZI QUEI TOSCANI BEVITORI, CHE TRACANNANO GLI UMORI DELLA VAGA DELLA BIONDA, CHE DI GIOIA I CUORI INNONDA MALVAGIA DI MONTEGONZI.
    Ora Carola mia, me ne védo in branda, cerco d’abassére le cispe, dormendo in sin quando, doméni mattina me sveglia la sonéta del trombettieri. Peròe quande subbeto umm’ardormento, penso a te e nel durmiveglia ranfo cusì:
    - La bocca lée tenera come i cidroni primaticci dell’orto del “Seminario”.
    - La tù méno è scurrevole come el traffeco in via “San Lurintino”.
    - El tù muso è culurito come le matonelle della “Rocasa”.
    - I tù béci son dolci e nì li stesso forti come la famosa “acqua de Nannarone di Tregozzano”
    - Sé gintile come sono gintili i “Bicchini”del cimitero quande traventeno la terra sulla cassa del morto.
    - Sé pricisa com’è priciso il “Polezzi” quande impagina “l’Etruria”.
    Unsomma, cara mia, al tù pinsiero gòdo come quande se fa la serenéta a un chémpo de repi nella Valdichéna, tutti in virzichela. …
    E tanto per armanere nelle frinisia me butto nel lipidinoso adulterino, dicendote per funire: ricevi ‘na bracceta a strizzone secco.
    Nòta bene: déto che in la settiména intrante véi a Cortona a prenotére un par de bistecche per la sagra de Mezzagosto, gurda de passere dalle “Cinque Via” e rammentere al “Bartolini” la promessa de lasciamme un buttiglione de vinsanto di quel caratello che sa lù.
    Tuo quande attorno Geremia el nepote de Gosto.

    Lòcco Allocco, persona goffa.
    Lòffia Fuoriuscita di gas dall'intestino.
    Lòffio Insulso, floscio.
    Logo Luogo.
    Lolla Pula del grano.
    Lùcciola L'ulcera.
    Lùpino Callo che viene sopra le dita dei piedi.
    Lùstro Stare lùstro, essere nei guai.
    Luta Favilla, scintilla
  • Madre (del vinsanto) la sbobba che rimane all' interno del caratello anche dopo aver svinato.
    Maestà Piccola cappella, ai bordi delle strade contenente un'immagine sacra
    Maggio Fiori della ginestra.
    Maléffeco Fungo velenoso
    Mama Méma Mamma, molto usato nelle campagne.
    Mana Ména Mano.
    Manadito (A ) menadito.
    Manavero Rozzo di modi, grossolano.
    Mancamento Malore improvviso.
    Mancione Pezzo vecchio di copertone messo cope toppa su una ruota.
    Manco manco Nemmeno lontanamente.
    Manéta Manciata o anche ceffone.
    Manna Fascio di soighe o erbe.
    Mannèca Manica.
    Marigge Merigge Ombra, un posto all'ombra.
    Marpione Individuo furbo che si approfitta di ogni occasione favorevole.
    Masa In uso tra ragazzi, una punizione scherzosa, dolorosa strofinare con le noccole della mano il cranio del malcapitato.
    Masticone ChewinGum
    Materiale Persona rozza e volgare
    Mattana Comportamento strano dovuto a umore lunatico con manifestazioni d'ira o d'allegria.
    Mattarìa Pazzia.
    Mattarino - Mattarullo Persona inaffidabile, volubile o di poco valore
    Mavero Mauro.
    Méddeco Medico.
    Meje Me.
    Mencino,Miccino (fare) Offrire poca roba, risparmiarsi.
    Merlére Inzuppare d'acqua o altro liquido una vivanda molto dura. "Metti a merlére quel péne"!
    Merolla Midolla, parte tenera del pane.
    Mézza Indica la mezz'ora, anche mezzogiorno.
    Mezzasega Persona di scarsissimo valore
    Mezzina Contenitore in rame per trasporatre l'acqua dalla fonte a casa
    Mèzzo Maturo, bagnato fradicio,stanco.
    Mi Un modo estremamente simpatico di dire guarda quà guarda là ("mi guarda che bischero")
    Miccia Asina, qualche volta è anche la sbornia "ha preso una miccia"!
    Michelaccio Vagabondo, godereccio "l'arte di Michelaccio: mangiare, bere e andare a spasso". Anche se il detto molto più antico, con altra rima:" l'arte di Michelazzo: mangiare, bere e fare un;...;
    Milusse Agiatezza, ricchezza; riferito al mangiare: cosa ottima, la migliore.
    Mi'-mio Mira, guardare, usato molto anche per aggettivi possessivi, mio, miei, mie.
    Mina Botta, colpo, scivolò e dette una mina per terra.
    Mingrillino Mingherlino
    Mira Guarda.
    Mircurdì Mercoledì
    Miré Guardate.
    Misselo La parte centrale delle insalate da dove partono le foglie.
    Mizzina Grossa brocca di rame per il trasporto dell'acqua; il suo beccuccio veniva ironicamente chiamato 'L piccèlo del prète.
    Mo‘ Ora, adesso.
    Mocca Denaro.
    Mocchèlo Bestemmia.
    Moccico Moccio.
    Moccione Ragazzo impertinente, che si dà arie da grande
    Molcello Monticello.
    Mòllo Bagnato.
    Mondo Pulito.
    Monnèca Monaca.
    Morvido Morbido.
    Mostacciòne Manrovescio.
    Mulichèla Briciola.
    Mungellese Razza di polli molto piccoli.
    Muscìno Moscerino.
    Mussare Fare la schiuma (dal francese "mousser") "Questo vino mussa!"
  • Nalisi Analisi.
    Nana Anitra.
    Nappa Naso grosso.
    Nappata Pugno nel naso o anche battere il naso cadendo.
    Nappo Bicchiere, di solito, pieno di vino.
    Nesci (fare) Fingere di non sapere.
    Nicchese (nicse) niente, nulla.
    Nicchio Battuta molto forte per esempio per caduta e anche per pugno.
    Nisba Come Nicse.
    Noccola Giuntura delle dita.
    Noccolata, Nucchino Colpo dato in testa con la noccola delle mani.
    Nòdo Quando il cibo resta un po fermo nella gola.
    Noialtri Noi.
    Nonne Unne Non, "unn'e vero"!
    Nottolo Gnuttelo Pipistrello.
    Nottolone Individuo grande e grosso e poco capace, anche chi é nottambulo.
    Novella Chiacchera, strullata, "ma che novelle dici?"
    Nuvvèlo Nuvolo.

    O te Un'invocazione, un'esortazione: "o te senti" "o te smetti".
    O tè O tu, comunissimo come alò, cìtto.
    Ocio Papero.
    Ocio matto Persona preda di grande frenesia ("Fuggiva come n'ocio matto!")
    Ognere Ungere
    Ollo O'nlo../la/ "ollo chiamasti te?" "olla volesti comprare?" "olli dicesti di venire?".
    Ollo O‘n lo O, non lo....
    Omarino Uomo piccolo.
    Omo Uomo.
    Omomorto Attaccapanni.
    Onn‘e O non é....
    Onto Unto.
    Oppio Pioppo.
    Opra Opera.
    Orcello Cantuccio di pane con crosta.
    Ordìre Sistemare con le botte.
    Oriolo Orologio.
    Orìolo Orologio.
    Ovìa O via.
    Ovo Uovo.
  • Pacchia Situazione ottimale.
    Pacenzia Pazienza.
    Pacière Colui che fa far pace
    Padella unta Donna che ha avuto molte storie
    Paggìo posto o piaggia rivolta verso la tramontana (l'opposto "solatìo")
    Palègro Erba rustica.
    Palloccoloso Noioso.
    Pampo Pane (vezzo per i bambini)
    Panina Tipico dolce pasquale fatto con pasta di pane, zafferano e zibibbo
    Pannùccia Grembiale.
    Pantellare Ansare, barcollare.
    Pàpecia Farfalla (notturna)
    Pàpecia Farfalla notturna.
    Pappa e cena Dar dei punti a tutti anche al diavolo.
    Pappeta Mangiata.
    Paracqua Ombrello.
    Paracqua Ombrello parapioggia.
    Parére (le pecore) Controllare, custodire.
    Parino Detto come esclamazione significa sette volte coglione ma per lo più viene usato per indicare compassione autelo parino, 'n lo vedi che 'nne sta ritto! (parola aretina doc.)
    Parolaio Chiaccherone, bugiardo.
    Pe‘ le buche Situazione di estrema difficoltà o precarietà.
    Pecetta Cerotto, rimedio.
    Peglia L'involucro esterno spinoso delle castagne.
    Pèllaio Persona sgradevole.
    Péne Pane.
    Penne maestre Modo di dire, Te le levo io le penne maestre.
    Penzare Far forza (per mandare fuori gli escrementi dal corpo)
    Pèquere Pecore.
    Pera Peto
    Pescio Pesce.
    Petorsèllo Prezzemolo
    Pettata Salita ripida.
    Pezzòla Fazzoletto.
    Piantìto Pavimento.
    Piccèlo Il gambo con il quale i frutti sono attaccati all'albero o anche l'organo sessuale maschile soprattutto quando si parla di bambini piccoli.
    Piccìa Coppia di ciliege.
    Picìno Piccolo (molto usato.)
    Pìeggiare Cercare di vedere qualcuno.
    Pienare Riempire.
    Pilla Vaso di pietra che tenga o riceva acqua "Pilla dell'acqua santa"
    Pillaccheroso Infangato.
    Pinottelo Pinolo.
    Pipa di cocco (A) molto bene, (a fagiolo.)
    Pisciacane Fiori gialli che somigliano a margherite.
    Pisciona Neonata
    Pisticchiare Calpestare.
    Pistòlleca Discorso lungo, noioso. Dicerìa
    Piticchiarsi Litigare, bisticciare, ripetutamente.
    Pittìgnino Pignolo.
    Più indietro d'una martinicca Non al passo con i tempi; la martinicca era la staffa che frenava le ruote posteriori del carro
    Piùe Più.
    Piuvìgianguela Pioggerella fitta.
    Piuvìschela Pioviscola.
    Poccia Mammella.
    Pocciare Succhiare
    Pòle Può, un pòle c'ha da fére.
    Pollezza Il broccolo delle rape
    Polvarone Polverone, creare uno stato di confusione.
    Ponta Punta
    Ponto Punto
    Poppone Popone
    Poppone Melone.
    Porcaio Sudiciume.
    Porri Verruche
    Portére per bocca Infamare.
    Pottona Spaccona, boriosa non intelligente.
    Povénta Riparo dal vento.
    Prace Spazio di terra tra due solchi
    Praci Parti di campo, di orto, divise tra loro.
    Presciutto Prosciutto
    Pricoloso Pericoloso
    Pritina Contenitore di latta o coccio che riempito di brace coperta con cenere si attaccava allo scaldaletto nelle notti invernali.
    Pròda Sponda, margine di una strada, orlo.
    Pròpio Proprio.
    Prùvista Provvista, scorta.
    Puccìna Diminutivo di poccia, mammella
    Puchino Pochino
    Pulenda Polenta
    Pulézze Rape.
    Pultricchio Fanghiglia.
    Punto Afatto, per niente, si usa nelle frasi negative.
    Puttanaio Disordine.
    Puzziderio Ingiuria, "quello é un puzziderio"!
  • Qua ne oltra Nei paraggi.
    Quae Quà.
    Quala/O Quale.
    Quatrino Quattrino piccola moneta
    Quèla Quella.
    Quesumundeo Quasi che
    Quistione Questione.
  • Rabuschìo Ragazzo.
    Racellare Rastrellare.
    Ragaggelo Erba che si mangia come insalata.
    Raghèno Ramarro.
    Ragia o ragina Patina.
    Rama Ramo
    Ramaccione Schiaffo dato con il rovescio della mano.
    Ramerino Rosmarrino.
    Rancico Rancido
    Raponzèlo Simile alla rapa si mangia come insalata.
    Rascello Rastrello
    Raschio d'acqua Acquazzone
    Raspére Riferito ad animale: rimuovere il terreno con le zampe riferito a cosa: irritare: "questi grispigneli raspeno la gola"!
    Ravvisolare Resuscitare
    Razzare Rasente veloce " quela machina m'ha razzato"
    Razzare Rasente e veloce "quella macchina m'ha razzato"!
    Règghia Reglia Fosso grande pieno d'acqua d'inverno.
    Renga Aringa.
    Résta Lisca, spina di pesce.
    Rezzo Arezzo.
    Ribère Rifare o non rifare qualcosa.
    Ricci Trucioli di legno.
    Rigatino Pancetta.
    Rigirìo Rigiro, movimento sospetto.
    Rigovire Non ce la faccio a finire, "unn'arguvisco, o un rigovisco"!
    Rigulizia Liquirizia.
    Rimpolpettare Rimproverare.
    Rinbriccicare Rabberciare, rassettare.
    Rinciancianire Rincoglionire.
    Rincincignare Sgualcire malamente.
    Rincriccare Effetto di una caduta o di un colpo,forte, "so' tutto rincriccato"!
    Rinsacchettare Rimettere dentro i pantaloni la camicia fuoriuscita.
    Rinsoprellare Mettere una cosa ,o soldi uno sopra l'altro, rifare faccende gia concluse.
    Rintronato Poco capace di capire e orientarsi.
    Rinvercére Rivoltare, " tè dò un ramaccione te rinvercio!"
    Rinvercio Rovescio contrario di dritto
    Rinverzigolire Riacquistare forza e vigore.
    Rispicinire Rimpiccinire.
    Ritrose Ciuffo di capelli che non si piega al pettine.
    Rivisolare Arvisolare Rivivere, avere nuova vitalita, risuscitare, dopo un periodo di depressione.
    Rizzare Alzare, costruire, fabbricare, quel muro l'han rizzato in du' giorni.
    Robba Roba
    Rocchìo Salsiccia.
    Rocco Rocchio un rocco di salsiccia
    Romanzina Ramanzina.
    Ròmbece Nota erba romice
    Ronchiare Tagliare con la roncola ( in tono minaccioso ed ultimativo: "Te ronchio!")
    Rosella Frutto del corbezzolo
    Rosmarrino Ramerino
    Ròtto Rutto
    Rubèca Moina,
    Rùgia Bruscolo,piccola parte di qualcosa,. Ho una rugia in un ochio!
    Rulla Ruzzola. (famoso gioco, dove si lanciano forme di cacio.)
    Rullare Ruzzolare.
    Rumére o rumechére Mescolare o anche cercare.
    Ruschia Rustia Frusta, scudiscio.
    Ruvvedo Ruvido; riferito a persona: rustico, rozzo.
    Ruzzare Giocare; di bambini o, se adulti, in modo infantile e futile ("Gli è preso il ruzzo!")
  • Saglìre Salire
    Sambudéllo Particolare salsiccia.
    Sànsena Sansa, residuo della spremitura delle olive.
    Saracca Aringa, o altro pesce poco pregiato.
    Saraccata Batosta
    Saracina Uva (l'uva e saracina quando comincia a maturare, a nereggiare.)
    Sarègia Ciliegia.
    Sassata Batosta ("Ha preso 'na sassata!")
    Satollo Sazio.
    Sbàggela Altalena.
    Sbalenati Occhi sbalenati pieni di stupore.
    Sbangiolasse Dondolarsi
    Sbeucchiare Sbevucchiare.
    Sbilicarsi Sbellicarsi dalle risate.
    Sbilungone Spilungone.
    Sbioccolato Sporco di schizzi.
    Sbòba Brodagla, disgustosa.
    Sbònzolato Sbracato, con la camicia, fuori dai pantaloni.
    Sbrinco Arzillo.
    Sbrindellare - Strimbellare Lacerare, strappare
    Sbulìnato Trasandato.
    Scacciata Schiacciata
    Scaccino Sagrestano, aveva il compito di caccire disturbatori e cani dalle chiese.
    Scaciare Andare via alla svelta, "scacia che qui ce stò io"!
    Scaldaletto Arnese di legno per scaldare il letto d'inverno al quale si attaccava la pritina; di struttura ricurva affinché la pritina non toccasse e quindi bruciasse le coperte.
    Scaldino Si usava per scaldarsi le mani le gambe, il letto.
    Scalinare Indagare.
    Scaracchiare Emettere sputi, catarrosi, in modo rumoroso e disgustoso.
    Scarafelo Solletico
    Scarogna Sfortuna, Scalogna.
    Scaroncicare Sbucciarsi, graffiarsi la pelle, "so' caduto di bicicletta e mi so' scaroncicato tutto"!
    Scarpinare Togliersi di mezzo alla svelta. Scaciare, Stecciare.
    Scaruffato Arruffato
    Scaruzzicare Stuzzicare.
    Scatizzare Ravviare il fuoco, smoccolare i lumi, eccitare, stimolare,"ha scatizzato una lite che non finisce più"!
    Scatorciato Ridotto male, cadente a pezzi
    Scavitolare Rovistare.
    Scazzata Vincere al gioco, ottenere qualcosa, casualmente, senza merito, spesso al biliardo.
    Schètela Scatola
    Schiàntolo Parte del grappolo di uva, staccato.
    Schicchignoso Schizzinoso.
    Schìncio Camminare di sbieco
    Schiribizzo Ghiribizzo.
    Schisciare Allontanarsi, allontanare via.
    Schjoppo Fucile.
    Sciabordaggine Balordaggine.
    Sciabordìto Melenso, balordo.
    Sciagattare Strapazzare.
    Sciainato Malandato.
    Scialére Ansimare.
    Sciamannare Trattare senza cura.
    Sciamannato Sciatto, scomposto.
    Sciamera Pianta simile alla ginestra.
    Sciampannare Allargare malamente, Spargere in maldestramente.
    Sciapo Insipido, sciocco.
    Sciolta Diarrea.
    Scioncare scioncarsisciancare provocarsi una frattura.
    Scionco Sciancato, storpio.
    Sciormento Strazio ("Finirà 'sto sciormento")
    Scocciolare rompere.
    Scocciolèto Rotto, sconquassato
    Scoccodare Verso delle galline, dopo che hanno fatto l'uovo, fare risate fragorose.
    Scòmpio Stiramento muscolare.
    Sconfiferare Non mi piace tanto non mi sconfinfera.
    Scorbellato Poco paziente.
    Scùcchia Mento molto pronunciato.
    Scuffiare Sconfiggere, vincere al gioco.
    Sculato Fortunato, in modo particolare al gioco.
    Scurcino Piccola scure.
    Scusso Non annacquato, bere vino puro.
    Sdatto Scomposto, maldestro.
    Sdinerbare Snervare.
    Sdìrinito Secco magro.
    Sdringolare Dondolare.
    Sdrùcchiare Scivolare.
    Sdrucìre Far pagare soldi contro voglia.
    S'è fatto smollare Serie nera pseudo sessuale
    Lei è ‘na tizia sula vintina, arconcia con ‘dumenti sexi de lino ala mòda “new – psichedelic.”
    Lùe ha l’aspetto da coglionaccio e porta finti Moncle. Ero pel “Corso”, grande budello, c’iarmicchj testo r c’iarvedi quello. Te smircio ‘na sdranga, puttana, che topa!
    Billissema sei de Rezzo e de tutta Eropa. M’avicino tremante e gne sussurro: sei ‘na “hima” futtuta broccolona; vu’ fére un fas food con me? Pane e prisciutto e panzanella a vomé.
    Me smircia dal sotto in su’ l’ ingrippata e raglia: “Vade rebus zamarro”! con te un farebbi manco, mummia zimbellone, ‘na sega sviolinéta al …”fulmicotone”.
    Me piaci un casino e cun te vorrebbi abbiscionarmi nun cantuccio niscosto; e rompete la biancheria che porti de sotto. E sfinimme nel tu corpo….a babo morto.
    Eppù sparasse ‘na Coca Cola ‘nsieme, maghéri a picurino…a me attorna bene. Un figo azzilléto come so’ io: porco giuda se l’attrovi… santiddio! “Tu vorresti Invenarmi o porcaccione, sadeco urinale, sconcasséto gigione. M’accordete che la mi’ pelosa gerda Un te la do: muso arfatto de merda”!!
    Termini dell’autore:
    Sdranga=ragazza
    Hima=fantasica
    Ingrippata=sfasata
    Abbiscionarsi=abbandonarsi
    Invenarsi=consumare un rapporto sessuale completo
    Vade rebus= vattene al diavolo
    (da quelli della notte) Gosto De' Rezzo
    Sembéla Semola.
    Sento Segno.
    Sésso Sasso.
    Sfagiolare Piacere, andare a genio.
    Sfilarsi Rompersi la spina dorsale.
    Sgangéo Baraonda, caos.
    Sghincio Di sbieco, Sghimbescio, di striscio. "M'é passato de Sghincio".
    Sghinginnare Tentennare.
    Sguillare Scivolare.
    Sguintro Magro.
    Si Se, "si ce guardi lo vedi".
    Sicutera Ripetizione, basta con codesta sicutera.
    Sie Sì.
    Simentare Seminare.
    Sinnòe Altrimenti.
    Sinsino Pizzico, goccetto, comunque di poca entità.
    Sirca Avaro.
    Sistola La canna per annaffiare (metonimia: in realtà la sistola sarebbe solo l'ugello terminale)
    Sleppa Cosa soprattutto lunga. "Che sleppe de piedi che ci hai ragazzo"! "Sleppa de péne".
    Smarrino Rosmarino.
    Sministrare Manovrare, amministrare.
    Smoccolare Bestemmiare.
    Sollo Tenero, morbido, sofffice.
    Sorba Frutto simile alla nespola.
    Sorta Tipo.
    Spacenziarsi Perdere la pazienza.
    Spagliare Traboccare.
    Sparagio Asparago.
    Sparagnare Risparmiare.
    Sparagnino Tirchio Spilorcio.
    Spaucchiare Far sparire tutto, specie al gioco.
    Speccia Spicchio (più propriamente per l'aglio)
    Spegliére Togliere le castagne dal riccio spinoso.
    Spellegrirsi Diventare cittadini.
    Spèpèra Ragazza, vivace, chiaccherona.
    Spetèzza Ragazza che parla troppo, con petulanza.
    Spiccicato Tale e quale.
    Spicinìo Da spicinare, sbriciolare, tritare.
    Spicinìre Impiccolire.
    Spinéto Spinoso.
    Spiscianguelo Il gocciolare piano ma continuo.
    Spratichirsi Impratichirsi.
    Spùlinare Levare ogni cosa, soprattutto al gioco.
    Spuzzidìre Togliere il cattivo odore.
    Squacquarare Ridere forte con la bocca spalancata.
    Staccia Specie di vaglio per separare la crusca dalla farina.
    Stacciaia Donna di basso livello sociale "Urlava come 'na stacciaia!")
    Stagnino Idraulico.
    Staia Misura di peso all'incirca pari a 20 kg.
    Stècce Stòppie.
    Stecciare Filare via velocemente ("Steccia che me dai noia!")
    Steccolare Rompere.
    Stèglia Piccola scheggia.
    Stiacciare Schiacciare.
    Stiaffo Schiaffo.
    Stianto Schianto.
    Sticchestocche Soprannome di una persona che batte la esse impuntandosi
    Stitico Persona poco sociale.
    Stolzare Cosa che scappa di mano , prendersi uno spavento, di soprassalto
    Stòlzo Sobbalzo.
    Stomachere Nauseare.
    Stommeco Stomaco
    Stracanarsi Affaticarsi eccessivamente.
    Stracco Stanco.
    Stralocco Parola di troppo.
    Stregnere Stringere.
    Strimizzito Striminzito.
    Strincio Strappo.
    Stringhìno Avaro.
    Strinto Stretto.
    Strolego/A Astrologo.
    Strolleco/A Zingaro/a.
    Stronàre Sciupare un'indumento bruciacchiandolo, al fuoco, o con il ferro da stiro.
    Stronco Stroncato, dopo uno sforzo: "so' tutto stronco"!
    Stronfiare Sbuffare.
    Stroppìare Storpiare.
    Stroppìo Storpio.
    Strovito Istruito.
    Strucinare Sciupare vestiti.
    Struffare Strofinare.
    Strullino Persona futile ed inaffidabile
    Strùllo Sciocco.
    Sùcciola Castagna lessata, con la buccia.
    Sùcena Susina.
    Suddècio Sudicio.
    Sugo Gusto, soddisfazione, "un'ce sugo a giocare con te, sei sculato"!
    Sùmmumolo Mucchio di roba.
    Sursino Goccetto.
    Sussare Vincere, fregare.
    Susse Persona infida, subdola, di solito di poche parole (da "Sus l'ebreo" film antisemita degli anni '30)
    Sutùrno Persona che raramente apre bocca, quasi asociale.
    Sversato Sgraziato.
    Svinéto Persona che è andata fuori di testa. Deriva dalla svinatura del vino o vinsanto.
  • Taliano Italiano
    Tàngheno Tanghero.
    Tarabaralla Poco male, "tra un discorso e l'altro tarabaralla abbiamo fatto tardi".
    Tarpàno Contadino Villano
    Tatticone Individuo abile che con tattica ottiene cio che vuole.
    Taucco Persona che vale poco.
    Tècchio Sodo, grasso.
    Tegame Persona di poco valore.
    Tegnère o ategnère Attingere.
    Teje Te.
    Tentelloni Andare a tentoni
    Tentennone Colui che risolve adagio e conclude poco
    Tignoso Pignolo.
    Tincone Tonto.
    Tògo Ganzo Dritto, Bravo, divertente, o, quando si apprezza qualcosa.
    Toh Consegnare con un certo impeto (tho piglia qui) tieni prendi qui
    Tonfare Prendere a pugni. Battere
    Tònio e Menco a Tiatro Tònio e Menco a Tiatro drento Rezzo (da “L’Aretino” piccolo vocabolario 1987)
    ‘l mi’ padrone, ce l’ava ditto da un pezzo, ce dette ‘l permesso de vire nel su’ palco.
    Col mi Menco se s’arpulì, quando vinne quel giorno, e s’arivòe al Tiatro de Rezzo che s’era guasi soli. Un’omarino un ce vuliva fa’ passére: ce diciva che ce vuliva il viglietto! Noialtri gni se disse che s’era d’acordo col padrone, ma toccò vire a un buttighino e fanne dua.
    Appena fatti s’artovòe quel còso che li vuliva stoppare. S’erano compri alora e l’ava volsuto lù!, e ora ereno ‘ndua ch’ava chiamo un altro e gni diciva: “ Giaà! L’emo apunto paghéti e ora se dano a tee!,” e li volseno e li strapponno e ce n’ardetteno un pizzittino. Doppo ce feceno salire su pe’ le schéle e s’entòe ‘nturun verone mezzo sbilenco.
    Era misso sur una specie de corte, ch’aiva tutte le finestre spalanchéte, co’ le seggiole adunéte in fila, e un du’ nn’era tonda aìveno rizzato un muro de’ panno.
    ‘L tempo era passo: c’era le genti co’ le donne un po’ spogliéte e l’òmini vistiti de nero. Vicino a quel muro che s’è ditto, ‘ndù pòchi seghéveno e seghévono le corde ch’ereno sur un pezzo de legno a prusciuttino che tiniveno ‘ntur una spalla o apoggéto ‘n terra s’ereno grossi, e faciveno de’ sonini billini.
    Per sparagnare, come fa la mi’ Néna, spensero tutti quei lumi. Un omo cor un bastuncino ‘n mano s’era misso ‘n mezzo a quell’altri e l’ava fatti zittare.
    Quande tutti stéveno zitti arcomincionno a sonére e quel muro acanto a noi dua se mosse: viniva sue e se vidde de l’altri òmini e de l’altre donne vistiti a l’antica, ch’ereno sur una stanza più alta, dreto ‘l muro che ‘n c’era piùe.
    Da una buchina drento uno stabbiulino misso li davanti, viniva fora un po’ de capo e le mane d’un òmo che giréveno i fogli. Subbeto comincionno a vociare co’ la gola aperta, tutti ‘nsieme e un po’ da sé, un se spieghéveno bene ma parecchio ardiciveno l’istesse cose.
    Tutto quel bercìo duròe un pezzo, un vir fora e un vir drento de quello e de quel’altro che ci aviveno sempre da urlére. Parlére un parléva nissuni, e pù c’era la banda che ‘n s’era mai zittéta e loro gli toccava berciare sinnoé un se capiveno. Per vi’ via pigliaveno guasi la rincorsa, arabbiati com’ereno, e doppo ‘nvece se fermaveno tra quelle tende, dreto, senza fa’ più niente: noi se vidiva bene dal palco del mi’ padrone. S’era guasi stracchi de sentire quande amazzonno uno cor una stillettata; di colpo cadde e se vidiva ‘l manneco de fora.
    Quello ch’era stéto se mise a fuggire, pù de colpo anco lù se fermòe subbeto dreto una di quelle tende, ma ‘n du’ c’era altra gente che ulli disse niente.
    Entròe una guardia, sembrava che vulisse cercare l’assassino, l’ava lì a du’ passi e ullo vidiva. Bociava bociava, bociava co’ la gola aperta e nissuno li diciva’ l su’ fatto e l’aiutéva. ‘L mi Menco ch’è d’intenduta, che lo misseno ‘n artiglieria, me guardòe, io lo viddi serio, e lu’ me disse: “ Tonio, gnene dico io!.” “E’ lì dreto! ‘nguminciò a urlére è lì dreto! E lo dicivo anch’io ci à la barba! È lì che ‘n se mòve!” Tutti s’azittonno, anche la banda capì e smiseno.
    Tutte le genti se voltonno ‘n sue e ‘n se capiva quel che vuliveno da noi: chiameveno mugolaveno. ‘L mi fratello me disse: “imo fora! Imo fora!, sinnòe ce piglieran per tistimoni! Ce porteno con sé!” E se scappoe. S’attornoe a chésa stracchi e disperéti, ma un se putiva di’ più niente a nissuni. ‘L padrone se cercòe d’ull’arvedere per un pezzo. Con Menco ogni tanto ce se guardéva ma un se parléva.
    La Nena, la mi’ sposa, che ci-ava visto quei giorni, che stéva zitta, e unn’ava ditto mai niente, una volta, s’era noialtri tre soli, fece, mentre atizzéva ‘l foco per cocere la minestra, senza voltasse, ma co’ la voce che noi se sentisse: “l’orzo unn’è fatto pe’ somari!”. Vagnene a fa’ capire a le donne ‘l Tiatro le genti e la legge!
    Racconto ascoltato di persona molte volte in anni lontani e ricostruito in maniera fedele da: Alberto Basi
    Topini Gnocchi di patate.
    Topo Bischero, fesso.
    Torsolone Individuo, duro di mente.
    Tortoiata Gran botta data con bastone.
    Tossa Tosse.
    Tossicone Tosse rumorosa e continua.
    Traicchè Via in senso figurato. "Prese el su' traicchè e se n'andò"!
    Trainella Piccolo peso che si trascina, discorso scherzoso.
    Tramestìo Movimento rumoroso di piu persone.
    Trampellére Essere malfermo.
    Tramutére Travasare o trasformare.
    Trània Lagna, cantilena. "M'ha fatto n'a trània che un finiva più"!
    Trappiare Trapelare, filtrare.
    Trasciconi Strasciconi.
    Traspìggere Scalpicciare.
    Traventare Gettare forte, lanciare violentemente.
    Treggia Carro agricolo rudimentale.
    Trèmoto Ragazzo vivace che non sta mai fermo.
    Trescone Ballo con frequente scambio di dama.
    Tribbiare Trebbiare. Anche "mangiare voracemente", con grande appetito
    Tribunale Costi quanto un... espressione: "Citto me costi quanto un tribunale"!
    Trìciolo Pezzetto minuscolo.
    Trimbello Lembo strappato
    Trimbellone Come brinsellone, giovanotto grande e grosso, fannullone.
    Trimbellone Persona sporca, vestita di stracci
    Triminére Toccare continuamente con le mani. Usato spesso in senso negativo. "Smetti de triminére quela robba che te 'nsuddeci tutto"! Cincischiare.
    Trincata Grossa bevuta.
    Trippata Caduta rovinosa sulla pancia
    Trippièdi Arnese di ferro con tre appoggi che serve per cuocere il cibo nel focolare o da appoggio per scaldare le pentole.
    Tritéllo Cruschéllo, espressione, "cadere nel tritello", sbagliare di grosso.
    Tritìo (fare un) Ridurre in pezzi.
    Triturére Tritare, macinare.
    Troghèlo Mangiatoia per maiali.
    Tròglio Balbuziente.
    Troiaio Una schifezza.
    Tromba Il tubo per travasare il vino.
    Tronata Botta consistente, anche figurata "Che tronata!"
    Tufone Cazzotto violento.
    Tul Nel.
    Tur un In un.
    Turbèlo Non limpido, non trasparente, torbido.
    Tutto Gioco, si preparano nove buche, piccole per terra, tre per fila ; nella buca centrale si mettono tuti i soldi (la posta) poi si tira a turno da una certa distanza, con una palla pesante, possibilmente di ferro, vince tutto chi fa entrare la palla nella buca, piu difficile, quella con i soldi.
    Tutto d‘en chjocco Improvvisamente.
  • Ucello Uccello.
    Udorare Odorare
    Ugna Ogna Unghia.
    Ugnata Graffio.
    Ugnere Ognere Ungere.
    Ullo Non lo.(un lo,....la.)
    Un Non.
    Unguanno Quest'anno.
    Unsomma Insomma.
    Unvece Invece.
    Urcillino Orcellino
    Urecchia Orecchia
    Urtica Ortica
    Usolare Guardare di nascosto.
    Usolone Noioso.
    Utriaca L'ha avuta "l'utriaca" l'ha avuta la sua!
  • Vacanze 'ntelligenti Argentario
    Me venga un colpo se un ve racconto questa!! So’ ito anch’io al mere a fere l’eliotirapia, come ardirebbe quela sofistichéta marpiona dela Bippina (BibJ per gli amici), ch’a ‘na faccia da santa del cinquecento e un culo da sgualdrina che quande scureggia fa un rumore a scoppio compresso perché ha le mutande blindate e le porta dalla disgrazia di Cernobjl; con la paura che da quel giorno la nube tosseca abbia ammosciti i c…. dei spiaggiaaioli.
    Io so’ vistito con l’ultemo look marino del mumento: bermuda giallo verde e mocassini àl’Agnelli, invece la Bibj ha adoddo un vistito esoteco alla BATIK, tutto spurtivo che’spira al filme “la mia Affreca”.
    ‘Na sera quande le stelle se combaceveno col riguglìo del’onde del mere gnò ditto: “Bippina, un dar retta a quelo che smoccheleno i giorneli, io ho ‘na fava cusì genuina che te sazierà da stisera a domattina.
    Eppù sé come diciva Aristotele, che anco la fava cià un gambo a dù nodi per migliorère el trapasso privilegiéto tra el mondo dei morti e quelo de la luce”. Lo sé com’è ita? Unnò acapezzo un tubo. Aristotele ugne ‘nteresseva punto. Ma dèto che io sono dimolto spicciativo gnò smarronéto che andasse a pigliallo n ‘du el pan se coce e s’arlvogesse a me quande aesse capito che l’oppressione maschile passa si, ma per il c…..
    La scureggiona alora sé missa a borbottére delle vacanze ‘ntelligenti e del come sarebbe meglio ‘mpieghére el tempo nell’andére a scuprire opere d’arte ‘utentiche, e giù m’ha ditto, nomi celebri e meno.
    Subbeto siémo iti nun paesotto a pòchi chilometri dal mere a ‘na sagra culturele.
    Se tratteva de una mostra de quedri de pittori imbianchini dela domenneca.
    Quande gionti drento, c’éra ‘na culona adiposa che ci ha fatto d’accompagnatrice in un infrinio de sale e cucinotti con quedri atacchi come i prosciutti illuminéti da rocci illuminéti da rocci de luce che un sé sapiva de che colore fusseno le tele.
    In mezzo a sto casino, a sidere ne le panche e stipeti come aringhe nel caratello se vidiveno sbracati mezzi scalzi, postcappelloni e postmoderni a fére ‘ndigestione de presunta cultura con fra le méni pizza e birra e anco lattine de vino.
    Teste raffazzonate allistite li per li fano abboccare la gente, eppù doppo, quande torneno a le loro chése racconteno el su bilancio dele vacanze ‘ntelligenti.
    E sano d’essere buggerati da manifestazioni balorde misse su da ‘ncompetenti merdaioli avanzi de topa. Leggheno pòco, ma héno visto ‘gni cosa.
    E’ la solléta frinisia dei bronzi de Riace. Al’ultemo la Bippina, stufa e piena de bile sino alle pocce, m’ha porto fòri e cunvinta che per i beoti un c’è meddicina ha ‘sclamato: “Basta con lo effimero valorizziamo il duraturo!!” Alora unn’ho retto più, l’ho carca nela mi’ 500 e l’ho porta nela spiaggia: semo scesi piano piano, l’ho sdraiéta nela rena e gnò ditto:” Mòe ce simo, giù le mutande bambola!!”. Doppo, molto tempo doppo, quande ‘ncuminceva ad albeggiere, stretti stretti, ma leggeri e con i pistoni sgonfi siémo arientri in tul’Otelle
    Valilonga Una delle vie della città oggi via Cavour
    Vecchelo Eccolo
    Veccheme Eccomi
    Vegghia Veglia.
    Venco Vinco.
    Ventìno Moneta metallica da venti centesimi,da qui, un centìno, un millìno.
    Vénto Vinto
    Verone Il portico al piano superiore dove iniziano le scale esterne della casa colonica.
    Vettare Avettare Attraversare
    Vetti Andai, ( piu usato in Valdichiana.)
    Vicce Andarci, ho deciso de vicce.
    Vien‘oltra Vieni qui.
    Villan Colleffe Persona rozza, incivile.
    Vintricchio Ventre (più propriamente per gli uccelli)
    Vire Andare.
    Vire a parere Scopo da raggiungere.
    Viulino Di color violetto e anche lo strumento musicale.
    Voialtri Voi.
    Vulsuto Voluto.

    Zaccherone Persona dalla vita disordinata, di solito donna (E' 'na zaccherona, sempre 'n giro")
    Zaccherone Persona sciatta.
    Zazzicare Armeggiare, trafficare.
    Zebedei I testicoli, non mi rompere gli zebedei.
    Zeppere Infilare a forza, spingere.
    Zicchina Gemma.
    Zighettare Punzecchiare.
    Zinghena Zingara
    Zipelo Tappo di legno.
    Ziro Orcio per l'olio, (vaso di terracotta.)
    Zullare Giocare, sherzare.
    Zurlo Zullo, Ruzzo.
    zuzzurullone Zuzzerellone