Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

la vita è bella

Arezzo ... la città del film

"Life is beautifull"

il cinema ad Arezzo

La vita è veramente bella ad Arezzo. Lo ha affermato, gridando al mondo la sua felicità, Roberto Benigni che nella Piazza Grande dove si disputa la Giostra del Saracino ha girato tante suggestive scene del film La vita è bella”.

E lo ribadiscono i tanti film che del nostro territorio hanno messo in luce le bellezze paesaggistiche di una campagna autentica, nella quale si tramandano le antiche tradizioni toscane.

Come in “Sotto il sole della Toscana”, di Audrey Wells, trasposizione dell'omonimo libro di Frances Mayes, nel quale vivere nella città di Cortona è un'esperienza totalizzante, una precisa filosofia di vita.

Lo ha raccontato in modo spiritoso Leonardo Pieraccioni ne “Il Ciclone”, che a Laterina ha ambientato innocenti flirts e divertenti storie paesane, e in “Una moglie bellissima”, nel quale Anghiari simboleggia la tranquilla e sana vita della coppia, prima del debutto di lei nel corrotto mondo della pubblicità e nel film interamente girato in città "Un fantastico via vai".

Lo ha ribadito Abbas Kiarostami, che nel film “Copia conforme” ha colto la bellezza di borghi come Lucignano, Monte San Savino e Cortona, per ambientare una storia che si interroga sul valore dell'arte e della sua riproduzione.
Interprete femminile del film, l'affascinante Juliette Binoche, che una vera predilezione per la nostra regione, essendo già stata interprete di film girati in Toscana, come “Il paziente inglese”.

Foto di Giovanni Folli ©


Cattedrale

Palazzo della Provincia

PIaggia San Martino

Logge Vasari

Piazza Grande

Piazza Grande

Borgunto

La Badia

Via Garibaldi

Scuole Gamurrini

San Francesco

Caffè dei costanti

Un ringraziamento a VisitArezzo.com per alcune foto

Trama del Film
Guido, un giovane ebreo, si reca ad Arezzo con l'amico Ferruccio in cerca di lavoro. Viene assunto come cameriere dallo zio Eliseo, gestore del Grand Hotel, e s'innamora di Dora, un'insegnante promessa sposa al fascista Rodolfo. Con l'allegria e la tenacia del suo carattere, riesce a far innamorare di sé la maestrina, e a sposarla. Sei anni dopo, probabilmente denunciato dalla suocera che non lo ha mai visto di buon occhio, Guido è deportato in un campo di concentramento con lo zio Eliseo e col suo figlioletto, il piccolo Giosuè, mentre Dora, pur non essendo ebrea, decide di seguirli di sua iniziativa.
È l'inizio della tragica avventura. Guido con abilità, per proteggere il figlio dalla terribile situazione, maschera l'intero dramma della prigionia fingendo che sia tutto un gioco a punti e vince la lontananza fisica dalla moglie, cercando di restarle vicino, come può. Un uomo, disposto veramente a tutto, anche al personale sacrificio, pur di difendere ciò che ha di più caro. Sino alla prova conclusiva, che nella fantasia di Giosuè assume i connotati di una lunga partita a nascondino, prima dell'assegnazione dell'ambito premio finale.

Riconoscimenti

  • Academy Awards (1999)
  • Oscar 1999: 7 nomination, 3 premi vinti
  • VINCITORE: Miglior attore protagonista - Roberto Benigni
  • VINCITORE: Miglior colonna sonora per un film drammatico - Nicola Piovani
  • VINCITORE: Miglior film straniero
  • Nomination: Miglior film - Gianluigi Braschi e Elda Ferri
  • Nomination: Miglior regia - Roberto Benigni
  • Nomination: Miglior sceneggiatura originale - Vincenzo Cerami eRoberto Benigni
  • Nomination: Miglior montaggio - Simona Paggi
  • Cannes Film Festival (1998)
  • Cannes 1998: 1 premio vinto
  • VINCITORE: Grand Prix - Roberto Benigni
  • David di Donatello
  • David 1998: 13 nomination, 9 premi vinti
  • VINCITORE: Miglior film - Elda Ferri, Gianluigi Braschi e Roberto Benigni
  • VINCITORE: Miglior regista - Roberto Benigni
  • VINCITORE: Miglior attore protagonista - Roberto Benigni
  • VINCITORE: Miglior sceneggiatura - Roberto Benigni e Vincenzo Cerami
  • VINCITORE: Miglior produttore - Gianluigi Braschi e Elda Ferri
  • VINCITORE: Miglior direttore della fotografia - Tonino Delli Colli
  • VINCITORE: Miglior scenografo - Danilo Donati
  • VINCITORE: Miglior costumista - Danilo Donati
  • VINCITORE: David scuola - Roberto Benigni
  • Nomination: Miglior attore non protagonista - Sergio Bini Bustric
  • Nomination: Miglior musicista - Nicola Piovani
  • Nomination: Miglior montatore - Simona Paggi
  • Nomination: Miglior fonico di presa diretta - Tullio Morganti
  • Nastri d'Argento della SNGCI (1998)
  • Nastri 1998: 5 premi vinti
  • VINCITORE: Miglior attore protagonista - Roberto Benigni
  • VINCITORE: Miglior attore non protagonista - Giustino Durano
  • VINCITORE: Regista del miglior film - Roberto Benigni
  • VINCITORE: Miglior sceneggiatura - Vincenzo Cerami e Roberto Benigni
  • VINCITORE: Miglior soggetto originale - Vincenzo Cerami e Roberto Benigni
  • European Film Awards (1998)
  • EFA 1998: 1 premio vinto
  • VINCITORE: Film Europeo 1998 - Gianluigi Braschi e Elda Ferri
  • SAG Awards (1999)
  • SAG 1999: 2 nomination, 1 premio vinto
  • VINCITORE: Migliore attore protagonista - Roberto Benigni
  • Nomination: Miglior performance dell'intero cast - Roberto Benigni, Giustino Durano, Sergio Bini Bustric, Nicoletta Braschi, Giuliana Lojodice, Giorgio Cantarini, Horst Buchholz e Marisa Paredes