Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Quartiere di Porta Crucifera
  • Home
  • I GRANDI ARETINI
  • Francesco Redi

Francesco Redi

Francesco Redi (Arezzo 18 febbraio 1626 - Pisa 1 marzo 1697) fu medico, naturalista e letterato.

Studiò a Firenze e a Pisa e lì si laureò nel 1647 in Filosofia e Medicina. Dopo la laurea continuò gli studi a Roma fino al 1654. Successivamente, a Firenze, entrò a servizio dei Medici e si dedicò allo studio delle lingue.

Fece parte dell’Accademia della Crusca, partecipò alla fondazione dell’Accademia del Cimento e insegnò nello Studio Fiorentino. Fu nominato Archiatro dal Granduca Ferdinando II: tale carica indicava il medico gerarchicamente più importante dello stato.

Pubblicò un gran numero di ricerche naturalistiche in cui, tra l'altro, confutò la teoria della generazione spontanea degli insetti, le quali destarono grande interesse in tutta Europa. Pubblicò, nel 1685, un’opera letteraria che divenne celebre alla sua epoca: “Bacco in Toscana”.

Morì a Pisa ma fu seppellito ad Arezzo per sua disposizione testamentaria.