Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Quartiere di Porta Crucifera
  • Home
  • News
  • News
  • Scomparso a Firenze, all'età di 95 anni, il pittore della Giostra Silvano Campeggi

Scomparso a Firenze, all'età di 95 anni, il pittore della Giostra Silvano Campeggi

E’ scomparso a Firenze all’età di 95 anni Silvano Campeggi, artista, pittore, illustratore di fama mondiale e cartellonista dei più grandi film di Hollywood, da Via col Vento, a Ben Hur, a Casablanca a tante altre pietre miliari del cinema mondiale.
Nato a Firenze da genitori aretini, grande appassionato anche di rievocazioni storiche e tradizionali popolari, ha realizzato per la Giostra del Saracino cinquanta tavole raffiguranti i protagonisti della manifestazione raccolte nel libro “E vidi correr Giostra”, edito nel 2003 quale catalogo dell’omonima mostra allestita nell’estate dello stesso anno nella Sala Sant’Ignazio (27 giugno – 7 settembre 2003).


La più celebre delle tavole di Campeggi dedicate alla Giostra del Saracino, raffigurante il tamburino dei Musici e copertina stessa della pubblicazione, è attualmente esposta all’interno del percorso espositivo “I Colori della Giostra” a piano terra di Palazzo Comunale.

Il cordoglio del vicesindaco e assessore alla Giostra, Gianfrancesco Gamurrini: “Esprimo le mie condoglianze per la scomparsa di Silvano Campeggi il quale, oltre ad essere un artista conosciuto in tutto il mondo per le sue illustrazioni legate in particolar modo al cinema di Hollywood, è una figura a cui Arezzo è particolarmente legata. Campeggi, infatti, ha dato lustro alla nostra città contribuendo, attraverso la sua opera artistica, a promuovere la Giostra del Saracino e tutti i personaggi che la compongono. Nelle sue tavole, realizzate in occasione della mostra del 2003, è riuscito con la sua matita ed una tecnica molto particolare, ad esaltare le figure e i colori della Giostra cogliendone in pochi tratti le emozioni e fermandole nel tempo”.