Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il Quartiere in lutto per la scomparsa di Ilaria Occhini

21 Luglio 2019

Era la sorella di Simone Occhini, Rettore vincitore nel "cappotto" del 1986 e nipote del conte Pier Ludovico Occhini.

I colori rosso e verde si listano a lutto e il Consiglio Direttivo e tutto il Quartiere si stringono con un abbraccio affettuoso ai familiari in questo momento di dolore.




1 commento
  • Non posso fare a meno di associare la figura di questa grande artista a quella del fratello Simone. Con lui e con Guido Raffaelli fu costituito un Consiglio alla metà di luglio - 1986 - con elezioni straordinarie stante le dimissioni in blocco del precedente. Su mia proposta, le due Giostre imminenti furono demandate alle competenze del Rettore - appunto Simone Occhini - e di Ciuffino. In pratica, ebbero pieno potere su tutti gli aspetti tecnici, tattici e strategici, senza che il Consiglio vi potesse sindacare neppur minimamente, salvo poi, a Giostre fatte, chiederne conto. Essenzialmente, furono solo in quattro: Rettore, Capitano e Giostratori (con qualche "consiglio" di Donatino), che riuscirono a porre fine al digiuno più lungo nella storia di Porta Crucifera, e con un "cappotto"! Quantum mutatus ab illo. I numeri?: quel digiuno durò 10 Giostre, oggi, delle ultime 16 ne abbiam vinta una.

Lascia un commento

** I commenti saranno pubblicati previa moderazione dell'amministratore del sito
** l'indirizzo email di provenienza verrà controllato