Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La Compagnia del Polvarone spopola ancora!!

04 Aprile 2011

Ancora un clamoroso tutto esaurito  per il gruppo  di Colcitrone, che sul palco di S.Clemente ha riproposto il suo cavallo di battaglia “Il mistero della mutanda misteriosa”  ed il pubblico aretino ha risposto alla grande.
Già un ora prima dello spettacolo la sala ha cominciato a riempirsi e alle 21,30 era completamente piena con tante persone in piedi ai lati delle sedie e i bambini seduti in terra sotto il palco. 

 Purtroppo ancora una volta molte  persone sono rimaste fuori e la cosa sorprendente è che pur non riuscendo a vedere , molti si sono trattenuti lo stesso anche solo per ascoltare.  Si stima che fossero presenti più di 500 persone a divertirsi ed applaudire la spontaneità degli attori rosso-verdi, che hanno elargito momenti di autentica comicità, regalando divertenti battute, rese ancora più efficaci dall’immediatezza del testo di Roberto Arrigucci, scritto in vernacolo aretino.

Molti complimenti alla fine per tutti gli attori da parte del pubblico che si è a lungo intrattenuto con i protagonisti dello spettacolo. Cogliendo quà e là  i commenti della gente,i motivi del successo del lavoro di Arrigucci sembrano  essere la qualità del testo, la caratterizzazione dei personaggi  e l’originalità dei pezzi musicali che punteggiano il dipanarsi della storia.  Grandi meriti naturalmente agli attori, molto spontanei e  che si muovono sul palco con una naturalezza e una genuinità sorprendente per dei debuttanti,  ma forse questo si spiega con la natura stessa della gente di Colcitrone, abitata a muoversi e a vivere in uno contesto sociale ricco di storia  e di cultura.   

Una cultura che si rinnova anche con la riscoperta del vernacolo aretino, che ha caratterizzato la vita dei nostri nonni e dei nostri padri e che con spettacoli come questo lo trasferisce a figli e nipoti.  Un grande plauso va infine agli organizzatori del Centro di Aggregazione Sociale Fiorentina, di cui il Concorso Teatrale è una delle numerose iniziative, tutte rese possibili dalla generosa disponibilità dei volontari. In particolare una nota di merito va alla Commissione  del Festival, che ha selezionato le opere da rappresentare, presieduta da Sergio Franchi e Libero Giovacchini, coadiuvati – per la parte artistica- dalla Dott.ssa Sandra Guidelli:

La Rassegna di Teatro Spontaneo di Arezzo è giunta alla sedicesima edizione ed è diventata ormai un punto di riferimento e di confronto importante del Teatro Amatoriale italiano, appuntamento quindi tutti i venerdì alle 21,15  per i prossimi spettacoli, fino al 27 maggio giorno di chiusura del Festival aretino.




Lascia un commento

** I commenti saranno pubblicati previa moderazione dell'amministratore del sito
** l'indirizzo email di provenienza verrà controllato



Articoli correlati