Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Curzio Malaparte

27 Luglio 2016

Pseudonimo del giornalista e scrittore italiano Curzio Suckert (Prato 1898 - Roma 1957). Personalità poliedrica, indipendente e controversa, passò dall’adesione al fascismo, all’antifascismo (che gli procurò nel 1933 il confino), al filocomunismo. Scrisse acuti testi politico-letterari, tra cui Italia barbara (1925), e romanzi quali Kaputt (1944) e La pelle (1950), crude testimonianze sulle atrocità della guerra.

Durante la prima guerra mondiale si arruolò nella legione garibaldina delle Argonne; quindi combatté, come semplice soldato, sul fronte italiano e come ufficiale di nuovo in Francia, dove fu decorato al valore. Da allora, il suo intenso vitalismo e uno spirito dannunziano d’avventura lo sospinsero di esperienza in esperienza, dal giovanile repubblicanesimo al fascismo, dalla fronda antifascista (che gli procurò, nel 1933, la condanna, peraltro blanda, al confino) al filocomunismo e, in extremis, alla conversione al cattolicesimo. Fondò alcuni periodici politico-letterari (La conquista dello Stato, 1924; Prospettive, 1939); fu condirettore della Fiera, poi Italia letteraria (1928-33), direttore della Stampa di Torino (1929-31), collaboratore del Corriere della sera, anche con lo pseudonimo di “Candido”, e corrispondente, durante la seconda guerra mondiale, dai vari fronti. Dal 1953 in poi redasse, per il settimanale Tempo, la rubrica Battibecco. Viaggiò ripetutamente per l’Europa, con lunghi soggiorni a Parigi; fu anche nell’America Meridionale, e da ultimo in Cina.
La sua attività letteraria, accanto a “ragionamenti” politico-letterari (L’Europa vivente, 1923; Italia barbara, 1925; Intelligenza di Lenin, 1930; Technique du coup d’état, 1931, ecc.) o di costume (Maledetti toscani, 1956), comprende “cantate” (L’Arcitaliano, 1928) e racconti epico-popolareschi (Avventure di un capitano di sventura, 1927), ispirati a quel mito di “Strapaese” che egli stesso - dopo essere passato per il “novecentismo” europeizzante di Massimo Bontempelli - aveva contribuito a creare; e accanto a prose di un idillismo evocativo e magico (tra le sue più felici: Donna come me, 1940), altre di un realismo (Kaputt, 1944) o di un cinismo (La pelle, 1950) spinti all’estremo, e tuttavia mescolati a una sensuale malinconia. Scrisse anche per il teatro e diresse un film, Il Cristo proibito (1950). Postume sono uscite parecchie raccolte di suoi scritti, per lo più già apparsi in giornali, da Io, in Russia e in Cina (1958), a cura di G. Vigorelli, a Mamma marcia (1959), Benedetti italiani (1961), Diario di uno straniero a Parigi (1966), Battibecco, 1953-1957 (1967), a cura di E. Falqui; del 2009 è la pubblicazione in traduzione italiana del saggio scritto in francese nel 1949 Coppi e Bartali.
(da: www.treccani.it)

 

Il poco peso che ha sempre avuto Arezzo

Il poco peso che ha sempre avuto Arezzo, e ha tutt’oggi, nelle cose toscane, non si giustifica. Gli aretini hanno il naso abbastanza ritto per sembrare toscanissimi, eppure han l’aria d’essere confinati in un angolo, fuori di mano, per non dir fuori della grazia di Dio, presi come sono alle spalle dai romagnoli, che la Madonna del Conforto ce ne scampi e liberi, di fianco, verso oriente, dagli umbri barlacci di Città di Castello, di petto dai senesi, che San Donato li pigli, e dalla parte d’occidente dai fiorentini, che Sant’Antonio li metta tutti in un sacco e li venda per ghiande in quel di Padova. Gli aretini, oggi, hanno altro per la testa, che pensare a ficcare il dito nel costato degli altri toscani: l’Arno seguita a torcere il muso alle loro case, e le liti in famiglia non mancano. Se ogni capello strappato in famiglia diventasse un albero, essi vivrebbero in mezzo ai boschi. E meno male che si stanno schiomando fra loro, buon per noi, e non han tempo né voglia di guardarsi intorno; se no, chi mai potrebbe garantire i toscani dalle sorprese degli umori di Arezzo?
Rare volte si svegliano e si buttano allo sbaraglio, ma quelle rare volte si salvi chi può: gli aretini, dove passano, seminano vento, e lasciano agli altri la cura del raccolto, a coloro che s’intendono di tempeste.


  •  Fonte Notizie: Mazzafrusto
  •  Autore: Angiolo Cirinei


Lascia un commento

** I commenti saranno pubblicati previa moderazione dell'amministratore del sito
** l'indirizzo email di provenienza verrà controllato



Articoli correlati