Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La straordinaria del 2000 con Alberto Sordi

15 Giugno 2017

100a Giostra del Saracino - 9 Settembre 2000

La Giostra fu dedicata a San Donato nel Centenario della Giostra del Saracino.

Era il 2000, anno in cui si corse la terza edizione straordinaria della storia dopo le Giostre in onore di Achille Starace nel 1939 e di Sandro Pertini nel 1984. Torna insieme a Porta Crucifera l’accoppiata formata dal Rettore Aldo Brunetti e dal Capitano Guido Raffaelli detto “Ciuffino”, vincitori di 4 lance d’Oro di cui un cappotto nel 1980; Maestro di Campo sarà riconfermato Massimo Malatesti.
La giostra del 18 giugno la vinse Porta del Foro con 4 e 4 otto di Luca e Gabriele, con tanto di cena nel chiostro della chiesa di San Domenico. Dopo la cerimonia di inaugurazione della mostra dedicata a Leonardo in Comune, Gianni Sarrini trova casualmente il vessillo di Porta del Foro lasciato incustodito: neanche a dirlo, questo sarà caricato su un furgone biancoverde e portato in sede per la richiesta di riscatto. Alla fine si risolse tutto grazie alla mediazione di Don Alvaro. Poco prima di settembre a Santo Spirito si dimette il Rettore Paolo Pratesi: prenderà il suo posto il compianto Edo Gori.
La mattina della giostra del 3 settembre i Fratelli Veneri si sentono male: qualche sera prima avevano cenato in un noto ristorante di Piazza Grande gestito da noti quartieristi di Porta Crucifera.
In molti, dopo l’accaduto, pensarono ad un simpatico scherzetto.
La giostra la vinse Colcitrone dopo una serie infinita di spareggi, 11 in totale, per una serie di carriere mai viste prima: la vittoria rossoverde fu sancita dall’ultimo tiro di Martino Gianni: sicuro di aver colpito il centro marcò, invece, un due.
A niente servirono i 50 punti totalizzati e tre centri di Martino, Sant’Andrea uscì con le ossa rotte. Il lunedì sera si tornò in Piazza Grande per le prove: esultanza incontenibile dei rossoverdi, frustrazione per i biancoverdi che scatenarono una rissa con i chimerotti.

Si arriva così alla Giostra straordinaria di sabato 9 settembre 100a edizione.
Ospite d’onore il grande Alberto Sordi che dispenserà sorrisi a non finire, per la gioia dei presenti quasi increduli. Corse per prima Porta del Foro, seguita da Sant’Andrea, Santo Spirito e Porta Crucifera. In prima tornata Luca Veneri marcò il 4, Maurizio Sepiacci 3, Gabriele Gamberi 4 e Daniele Gori 4; grazie al 4 di Gabriele Veneri e al 2 di Carlo Farsetti nel secondo giro di carriere si arriva così agli spareggi tra Porta del Foro e Porta Crucifera: scese al pozzo Gabriele e dopo una bella galoppata marcò ancora 4 punti. A correre lo spareggio per i rossoverdi fu, a sorpresa, Daniele Gori che marcò il cinque regalando al quartiere di Porta Crucifera la centesima Giostra dedicata a San Donato.

Fu un vero e proprio tripudio rosso verde: 2 lance d’Oro nell’arco di 1 settimana. A fare le spese di questa vittoria fu ancora una volta Porta Sant’Andrea che arrivò persino a rompere il contratto con Maurizio Sepiacci reo di deludenti prestazioni: lo sostituirà Enrico Vedovini, cavaliere proveniente dal salto ostacoli e già protagonista della giostra del ’97, poi rinviata.
Il 2000 sancì così la 29esima vittoria di Porta Crucifera.

Quartiere vincitore: Porta Crucifera
Rettore: Aldo Brunetti
Capitano: Guido Raffaelli
Giostratori: Daniele Gori (Kid) - Alessandro Vannozzi (Perla)

Ordine delle carriere
Porta del Foro
Luca Veneri 4 |Gabriele Veneri 4 |Gabriele Veneri 4

Porta Sant’Andrea
Maurizio Sepiacci 3 | Martino Gianni 4

Porta Santo Spirito
Gabriele Gamberi 4 | Carlo Farsetti 2

Porta Crucifera
Daniele Gori 4 | Alessandro Vannozzi 4 | Daniele Gori 5

Alberto Sordi ospite d’onore alla Giostra del centenario. Alla domanda su cosa pensasse del Saracino, Sordi rispose “Un’emozione unica, indimenticabile, da non perdere per nessuna ragione al mondo…”
(La Nazione del 11 settembre 2000).



Video



Lascia un commento

** I commenti saranno pubblicati previa moderazione dell'amministratore del sito
** l'indirizzo email di provenienza verrà controllato



Articoli correlati