Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Tradizioni e ricordi


Mercoledì, 29 Giugno 2016 12:30

La Fiera delle Gaite di Bevagna (PG) e la nostra Giostra del Saracino edizione di giugno 2001 raccontate da un documentario di France3. Il video è stato girato nel Quartiere di Porta del Foro e viene raccontata la preparazione alla Giostra dei fratelli Veneri, cavalieri di San Lorentino.

Al termine però la Lancia di Faustina degli Azzi viene portata in corteo dai nostri figuranti

Sabato, 27 Settembre 2014 10:05

Lo conoscono tutti a Pozzuolo Umbro, frazione di Castiglion del Lago. La sua casa, più che un'accogliente abitazione, è un cimelio, un museo dell'ippica popolare, quella che ha antiche tradizioni, che si svolge in provincia.
Il cavallo domina nei ricordi.
E quando dall'ingresso sali per le scale respiri subito l'aria di quelle "cose" che ami di più, perché sono le più genuine, le più tradizionali, le più secolari. Sali i primi gradini e al muro ci vedi il cartellone con la lancia della Giostra del Saracino; arrivi al pianerottolo e c'è alla parete una foto con lui a cavallo con il giubbetto della Contrada del Drago. Insomma, subito, i colori rosso e verde dominano. E in salotto, o meglio, nel "museo", la pagina ingiallita di un giornale messa in bella mostra ti annuncia che sei entrato nella stanza dei ricordi di "Tripoli Torrini: il fantino gentiluomo che correva per farsi valere".

E' morto lo storico aretino Franco Paturzo, aveva 53 anni. Un tragico incidente lo ha strappato all'affetto dei propri cari. Era in bicicletta nella zona del Pratomagno, una rovinosa caduta sulla strada gli ha provocato le ferite fatali. Tempestivo, ma inutile il viaggio in elicottero alle Scotte di Siena. Paturzo è morto poco dopo l'arrivo in ospedale.

Mercoledì, 09 Gennaio 2008 22:28

Un sogno che divenne realtà!
Oggi hanno i capelli brizzolati. Un gruppo di giovani mise la prima pietra per quello che sarebbe divenuto il punto di aggregazione sociale: IL CIRCOLO.
Correva l’anno… e sentirono l’esigenza di creare qualcosa di diverso. L’idea fu quella di allestire un punto all’esterno della sede per trascorrere delle serate in attesa dell’evento “principe”.
La scelta cadde nella romita e suggestiva piazzetta di San Niccolò. Pochi tavoli, qualche panca, una griglia, costituirono le fondamenta per le feste en plein air dei cruciferini. Pane, salsicce, costoliccio, un pezzo di porchetta, affettati, formaggi e vino a volontà.

Lunedì, 20 Aprile 2009 23:59

E’ morto Romeo Toci, Romeo. Il suo nome, quasi onomatopeico, era da tutti associato alla sua figura segaligna, al suo profilo arcigno, al suo carattere un po’ scorbutico.
Ma non v’era chi non riconoscesse a Romeo diversi primati: il Socio con la tessera n. 1, la comparsa più anziana che mai sia scesa in Piazza (nella vittoriosa Giostra del 9 settembre 2000) sono solo alcuni.

Mercoledì, 13 Marzo 2013 15:29

Tripolino! A questo nome e per le sue vittorie, migliaia di colcitronesi hanno esultato e la nostra bandiera si è innalzata, tra gli anni Trenta e Cinquanta del secolo scorso. Nove volte, quando con Donatino quando con Arturo Vannozzi, ha recato in Colcitrone la "lancia d'oro", segnando nella storia il suo nome come quello di un vero campione.

Pure nel "campo" di Siena la sua abilità di "fantino gentiluomo" ha fatto gioire i popoli di quattro Contrade, dal 1932 al 1938, portando il Palio a Nicchio, Chiocciola, due volte nel Drago e due volte nella Lupa.
Oggi, cioè il 10 marzo scorso (2013), non poteva certo mancare la nostra insegna, recata da un giovane vessillifero e accompagnata dal Rettore, alla festa che nel suo paese natale di Pozzuolo Umbro è stata organizzata per festeggiare il suo centesimo compleanno.

Martedì, 03 Giugno 2008 20:34
In occasione del venticinquesimo anniversario della realizzazione del nostro circolo " Rosso-Verde", gli eredi di coloro che oggi hanno i capelli brizzolati, con rinnovato impegno e dedizione, hanno migliorato tutti gli ambienti con lavori di manutenzione e ristrutturazione. Lavori portati avanti con sacrifici enormi di cui saranno orgogliosi e che avranno il plauso e la riconoscenza di tutti i quartieristi. Sono sicuro che l'impegnativo lavoro non è stato svolto per ricevere elogi, ma per l'attaccamento e la passione verso i colori del nostro Quartiere.
Venerdì, 29 Maggio 2009 13:39

Poco più di un mese e il Quartiere di Porta Crucifera deve nuovamente abbrunare e inchinare il suo vessillo e le sue bandiere: Antonio – Tonino – Morelli è morto. Poco più di un mese fa fu proprio Lui a salutare l’amico e quartierista Romeo Toci: il destino, in così poco tempo, ha privato tutti noi di queste due grandi figure. 
Con Tonino Morelli scompare un altro figlio del nostro popolo, di quel popolare rione di Colcitrone che non è quasi più, dove Tonino è nato e sempre ha vissuto, consapevole di rappresentare una prosapia di popolani, ma che però, come amava ricordare, contava in un suo ramo anche l’illustre cognome dei Brandaglia. Nato nel 1928 (forse non a caso, diremo perché), operaio – figlio di operai – alla storica tipografia di Ettore Sinatti, fu capace in seguito di fondare una delle migliori tipografie della città, il Poligrafico Aretino, presso cui continuò a prestare la sua arte di valente tipografo anche ben oltre l’età della pensione.

Giovedì, 22 Settembre 2011 15:41

Tanto, troppo tempo è passato dall'ultima vittoria. E troppe cose sono successe. In 5 anni abbiamo visto Santo Spirito tornare a vincere dopo 12 anni. Abbiamo subito un vergognoso assedio da parte dei festanti gialloblu. Ci siamo visti scippare una sacrosanta vittoria con la giostra sospesa del '97 e la vergognosa ripetizione che ci ha messo contro tutta la città. Abbiamo visto Porta del Foro rompere due lance in due anni, sopportato le tre lance rotte del '99 toccate a tutti tranne che a noi, assistito allo storico “dieci” di Farsetti a Santo Spirito. Abbiamo visto Sant'Andrea continuare a vincere avvicinandosi pericolosamente nel conto delle vittorie. E abbiamo cambiato coppia. Prima con Lucio Antici al fianco di Alessandro Vannozzi, poi con Daniele Gori. Sono passati cinque anni e sembra una maledizione. Nel 2000, anno del Giubileo, le giostre sono tre e ad inizio anno Martino Gianni ha tuonato: “Mettiamo la freccia, è l'anno del sorpasso”. Ma a giugno a vincere è San Lorentino e noi usciamo con un doppio due.

Giovedì, 22 Settembre 2011 15:40

Arriviamo a questa giostra dopo quattro giostre perse con tre vittorie in fila di Sant'Andrea (che nel '94 ha fatto cappotto) e una di Porta del Foro a giugno. Nelle fila rossoverdi è cambiato qualcosa. Eugenio Vannozzi ha lasciato il posto al figlio Alessandro, che ha già corso due giostre ma con poca fortuna. Al suo fianco l'esperto Filippetti. Tutte confermate le coppie che hanno corso a giugno: Martino con Sepiacci a Sant'Andrea, i fratelli Veneri (freschi di prima vittoria) a San Lorentino e a Santo Spirito la coppia composta da Franco Valeri e Gianni Vignoli.

Giovedì, 22 Settembre 2011 15:40

Il 1993 segna nuove importantissime novità nelle coppie in piazza. Santo Spirito, alla ricerca di una vittoria che manca dal 1984, riporta in sella Franco Ricci, schierato al fianco di Davide Tredozi. Rivoluzione a Porta del Foro, dove dopo Capacci smette anche Parigi. Esordiscono così in giostra i fratelli Luca e Gabriele Veneri, figli di Carlo Veneri, giostratore di Santo Spirito negli anni Settanta e Ottanta. A Sant'Andrea accantonato Silvano Gamberi viene confermato Maurizio Sepiacci insieme a Martino Gianni dopo la vittoria ottenuta nel settembre dell'anno prima. Per i nostri colori confermata l'ormai collaudatissima coppia formata da Eugenio Vannozzi e Marco Filippetti, che ha vinto 6 giostre negli ultimi 6 anni.

Giovedì, 26 Giugno 2008 01:59

In occasione della giostra del 6 Settembre 1953, il Comune aveva indetto una gara fra tutti i negozi del Centro per premiare la migliore vetrina, abbellita sul tema della Giostra del Saracino. Il signor Sensi, titolare del negozio "Singer" in Corso Italia si era fatto prestare da Porta Crucifera la lancia d'oro vinta il 7 Agosto 1949 e l'aveva sistemata in bella mostra. Proprio il 6 Settembre però, la Giostra ha un finale burrascoso.

Pagina 5 di 7