Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

    • Accident’a te e a quela puttan de l’Anghiarina
    • Al tempo de’ maiali eron suspiri ... al tempo de’ maiali la tu’ mama era rigina
    • Amare senza essere amato è come pulirsi il culo senza aver cacato
    • Anche questa s’è fatta, disse quello che amazzò il babbo e la mamma
    • Botte picina vin bono ... ma no ne’ tappi
    • Cacati in mano e datti du’ labbroni
    • Cencio dice mal di straccio
    • Che se fa la pesca del Giunti, acqua fino ale palle e pesci punti
    • Co la calma e la vasillina, l’elefante ’nculò la galina
    • Come disse la supposta al missile: "Beato te che vè ‘n cielo"
    • Conta come el due de picche
    • Contadino, scarpe grosse e cirvello fino
    • Cusì ‘nnè ‘l modo, come disse quel ch’afogheva
      • E’ come ’na forchettata de noci
      • E’ fame? Mordi la coda al cane! E’ sete? Atacchete al pisciulin del prete
      • E’ fatto ’l guadagno de Cazzella, che vendiede el cavallo per pigliar la sella
      • E’ la legge del Menga, chi l’ha ’n culo se lo tenga
      • E’ come la moglie del poro Trumbino: men de gniente
      • El caldo dei lenzoli un fà bullire la pentela
      • El peggio c’ha da venì, disse quello che ingollò la roncola e arcacò ‘l manneco
      • Fa come Sant’Alò: prima murì e pù s’amalò
      • Facile fare i finocchi col culo de quel’altri
      • Far la piscia senza il peto è come mangià l’insalata senza l’aceto
      • Finchè dura fa verdura
      • Fior de limbuto, eri coglione e te s’è mantenuto
      • Gni fa come il cazzo alle vecchie
      • Gni fa come l’aglio al cane: un mangia e un fà mangiare
        • Il maiale fa male ... se t’aciacca
        • Io armango, come disse quel che perse ’l treno
        • La veggo buia, disse quella che camminava sugli specchi
        • Men che la muffa e ’l mirdino, tutti i vizzi l’ha
        • Nel capo c’hè du scatoline: una è vota e una ’n c’è gniente
        • Non ce la faccio più, come disse quello che cacò sull’ortica
          • Pe’ malati c’è il Ferrochina, pe’ coglioni un c’è middicina
          • Per murire e per pagare se’ fa sempre ’n tempo
          • Poca lana, disse quello che tosava i maiali
          • Quande Lignano mette ‘l capello, Aritino apri l’umbrello
          • Quando la donna move l’anca, o la dà o poco ce manca
          • Questo è quelo del bon Gisù, doppo questo ‘n ce n’è più
          • Questo non c’entra, come disse la contessa seduta sul colonnino
            • San Donato, l’inverno è arivato
            • Santa Firmina, Le Poggiola e Chiani n’unne stan fermi co’ le mani
            • Sara’ meglio mette le mani avanti, disse quello che cadiva a bocconi
            • Se ‘l coglion volasse, te darebbon da mangià‘ co’ la fionda
            • Se ‘l mi nonno aiva tre palle era ‘n flipper
            • Sè brutto quant’el Fei, che fece paura a ’n branco d’orsi e ’l più picino murì
            • Sè coglion anche se’arnasci
            • Sè coglion come ’l Bava, che se dava le martellate sui coglioni e godeva quando ’n ce chiappava
            • Sè come el can de Fano (oppure de Betto), che mentre quel’altri trombaveno lù se leccava le palle
            • Sè come una corriera: ce monton tutti
            • Se la mi’ nonna aea le rote era ‘n carretto
            • Sè più coglion de Ammene, che se cavava la sete col prusciutto
            • Sè più coglion de Cacco, ch’andava a cogliè’ i bacelli co’ la scala
            • Sè più coglion del Bista, che piantava i fagioli co’la rivoltella
            • Sè più coglion del poro Schjfo, che barullava ‘n salita
            • Sè più suddecio del Lonzi, che fece ‘l bagno ‘llà Chiana e scappò polvaroso
            • S’ha dì d’andà?
            • Si stavo cusì un mangiavo, disse quello doppo cena
            • Si te piglio ‘nfra le mani, duri quante el bercio d’un gatto bighino
            • Speriamo che duri, disse quello che barullava dal tetto
            • Tanto vulivo scendere, come disse quello che barullò de bicigretta
            • Te dò ’na mina che te fermo la crescita
            • Tira più un pel di fica che ’n carro de bovi
            • Trombare quella è come giocare al pallone con gli zoccoli
            • Tutto fa, disse quello che pisciava in mare per disincaglià la barca
            • Unn’ho mica pocciato dal pomello d’una seggiola
            • Un sò se me spiego, disse il tovagliolo
            • Un te mettere ‘n cammino si la bocca ‘n sa de vino
            • Voglia de lavorar salteme adosso, che de’ lavorar più non posso