Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

la giornata della Giostra

Giostra diurna - Giostra notturna

PRIMO COLPO DI MORTAIO
ore 7:00

IL PRIMO COLPO DI MORTAIO

Annuncia alla città che si correrà la Giostra!

RITIRO DELLA LANCIA D'ORO
ore 10:30

Ritiro da parte dei Fanti del Comune e dei Valletti della Lancia d’oro dal Duomo

IL BANDO
ore 11:00

AL SECONDO COLPO DI MORTAIO

L’uscita dell’Araldo e l’inizio della lettura del Bando della Giostra alla popolazione che, con i rappresentanti dei quattro Quartieri, annuncia alla popolazione che si correrà la Giostra.

Al suono del campano della torre civica, il corteo muove dal palazzo dei priori sostando nei seguenti punti: Basilica della Pieve, Piazza S. Michele, incrocio Corso Italia, Via Roma, Piazza S. Francesco.

Li Onorevoli Messeri,
Reggitori della Nobilissima Città di Arezzo

invitano tutti della Città
e del felicissimo Contado
nobili e popolo
gente di lettere e di toga 
mercadanti et artieri di ogni arte

al torneamento della Giostra del Saracino 
che sarà corsa al vespro in Piazza Grande 
a li ordini del Magnifico Maestro di Campo
dai cavalieri dei Quartieri
contra un simulacro che finga
tra li soldani di Babiloma, d'Egitto o di Persia
la figura di Buratto, Re delle Indie

a conflisione e ludibrio grandi
di tutti gli infedeli nimici di Cristianità
ed a maggior gloria et onore
del Divo Donato
Patrono Nostro e del Contado
Impetratore di grazie et benediziom

Correranno li Cavalieri de li Quartieri:
Porta Crucifera
Porta Santo Spirito
Porta del Foro
Porta Sant'Andrea

LA VESTIZIONE DEGLI ARMATI
ore 13:00 - ore 18:00

All'interno del Quartiere sale la tensione mentre gli armati iniziano la vestizione con i costumi d'epoca

LA BENEDIZIONE
ore 14:00 - ore 19:00

AL TERZO COLPO DI MORTAIO

I figuranti, Armati, Cavalieri e Giostratori, ricevono la Benedizione in Santa Croce o presso la Pieve di Santa Maria.

ASSEMBRAMENTO A SAN DOMENICO
ore 14:30 - ore 19:30

Al termine della Benedizione tutti gli armati e i Giostratori si dirigono in schieramento verso San Domenico dove, con i figuranti degli altri quartieri, si assembrano per prendere poi parte alla sfilata per le vie della città

PARTENZA DEL CORTEO STORICO
ore 15:00 - ore 20:00

AL QUARTO COLPO DI MORTAIO

I figuranti iniziano il corteo storico per raggiungere il Duomo, dove verrà impartita la Benedizine del Vescovo, percorrendo Via Sassoverde e Via Ricasoli.

BENEDIZIONE DEL VESCOVO
ore 15:15 - ore 20:15

Benedizione impartita dal Vescovo sul sagrato del Duomo, accompagnato dalle insegne guerriere trecentesche del vescovo Guido Tarlati.

IL CORTEO STORICO
ore 15:30 - ore20:30

Dopo la Benedizione il corteo inizia la sfilata per raggiungere Piazza Grande, percorrendo Via Ricasoli, Via dei Pileati, Corso Italia, Via Roma, Piazza G. Monaco, Via G. Monaco, Piazza S. Francesco, Via Cavour, Via Mazzini, Via Borgunto.

Il momento topico della sfilata è, per il nostro Quartiere, il passaggio davanti alla chiesa di San Michele dove si ritrovano tutti i sostenitori per l'ultimo saluto ai Giostratori prima dell'ingresso in campo

INIZIA LA GIOSTRA
ORE 17:00 - ore 21:30

AL QUINTO COLPO DI MORTAIO

La Giostra ha inizio con l'ingresso e l'esibizione, in Piazza Grande, degli Sbandieratori della Giostra

ingresso del Corteo Storico

Ingresso del corteo storico, al suono di trombe e rullo di tamburi.

Entrano i Musici della Giostra del Saracino che saranno la colonna sonora della manifestazione.

Ingresso dei gonfaloni con gli emblemi della Città, del Comune, del Popolo di Arezzo e di quelli di parte Guelfa e Ghibellina;

Ingresso degli armati dei Quartieri e degli otto giostratori;

Ingresso dei cavalieri di Casata, rappresentanti l’antica nobiltà e loro schieramento sulla lizza;

La disfida

Al termine dell'ingresso in Piazza Grande del Corteo al gran completo, al suono di trombe e al rullo dei tamburi, con i gonfaloni che portano gli emblemi della Città, del Comune, del Popolo di Arezzo e di quelli delle parti Guelfa e Ghibellina è il momento più solenne: con gli armati al cospetto dei Cavalieri di Casata l’Araldo leggerà la Disfida di Buratto, mentre tutta l’arena risuonerà allora del grido Arezzo!, lanciato da parte degli armati.

Non più d'usati onori aure cortesi
spingon, o Castro, il piede a' tuoi contorni. 

Sol quest'usbergo e rilucenti arnesi
premon le membra a vendicar gli scorni. 

I magnanimi spirti a torto offesi, 
lungi dal trionfar, odiano i giorni. 

Con questo del flagel più grave pondo, 
giuro atterrir, giuro atterrare il mondo.

Oggi provar t'è forza, 
empio arrogante, 
che merte sol vers'i Tartarei chiostri, 
un falso traditor volga le piante
e del suo sangue il suo terreno inostri. 

Ogni patto aborrisco e da qui avante 
vesto la spoglia de' più orrendi mostri.

Troppo infiamma il mio cuor giusta vendetta, 
onde sol morte e gran ruine aspetta.

Oggi vedrai, s'al nuovo campo ascendi, 
s'al tuo folle vantar sian l'opre uguali.

Prendi pur l'asta e fra tue strage apprendi 
l'armi di un falso ardir quanto sian frali.

Manda chi più t'aggrada e solo attendi, 
da troppo irata man, piaghe mortali.

Non più parole, omai, vo' vendicarmi:

al campo! Alla battaglia! All'armi! All'armi

Inno della Giostra

Gli squilli delle chiarine e il rullo dei tamburi rievocano il basso medioevo, epoca di giostre e dei tornei cavallereschi. Il Gruppo Musici ha in repertorio motivi esclusivi di ispirazione trecentesca, diversi per musica e ritmi l'uno dall'altro.

Una particolarità del gruppo è quella di cambiare agevolmente formazione e ritmo di marcia, passaggio che risulta particolarmente spettacolare. Avvincente anche il momento in cui i tamburi effettuano giochi che possono esser definiti "Fuochi d'artificio".

Vasto è il repertorio che il Gruppo esegue durante le esibizioni, dedicato in parte a musiche conosciute a livello mondiale, per esempio la "Marcia trionfale dell'Aida" o l'"Inno alla gioia", ma principalmente vengono scritte appositamente per il Gruppo. 
La più famosa è senza dubbio "Terra d'Arezzo un Cantico" scritta dal Prof. Severi e considerata universalmente l'inno della città di Arezzo.

Terra d'Arezzo, un cantico salga dal nostro cuore a te, che luce ai popoli fosti col tuo splendore.

Da quasi trenta secoli parla di te la storia e mille e mille pagine consacra alla tua gloria.

Galoppa galoppa, o bel cavalier,
tu sei la speranza del nostro Qartier;
col braccio robusto che piega il destin,
trionfa, o gagliardo, del Re Saracin,

trionfa, o gagliardo, del Re Saracin.

Or che risorgon gli animi, d'Italia al nuovo sole, Terra d'Arezzo, esaltati, chè in marcia è la tua prole.

Le mète già sfavillano dinanzi al nostro ardire; santo è l'amor che infiammaci, più santo è l'avvemre.

Galoppa galoppa, o bel cavalier,
tu sei la speranza del nostro Qartier;
col braccio robusto che piega il destin,
trionfa, o gagliardo, del Re Saracin,

trionfa, o gagliardo, del Re Saracin. 

Parole di Alberto Severi (1883 - 1958)
Musica dal Maestro Giuseppe Pietri (1886-1946)

le carriere

Prima serie di carriere contro il Saracino, seconda serie ed eventuali carriere di spareggio.

la consegna della Lancia d'oro al vincitore

Te deum di ringraziamento del Quartiere vincitore in Cattedrale e sfilata per vie del centro